Manifesto Potere al Popolo

Conosci il movimento “Potere al popolo”?

Siamo

le giovani e i giovani che lavorano a nero, precari, per 800 euro al mese perché ne hanno bisogno, che spesso emigrano per trovare di meglio. Siamo lavoratori e lavoratrici sottoposte ogni giorno a ricatti sempre più pesanti e offensivi per la nostra dignità. Siamo disoccupate, cassaintegrate, esodati. Siamo i pensionati che campano con poco anche se hanno faticato una vita e ora non vedono prospettive per i loro figli. Siamo le donne che lottano contro la violenza maschilie, il patriarcato, le disparità di salario a parità di lavoro. Siamo le persone LGBT discriminate sul lavoro e dalle istituzioni. Siamo pendolari, abitanti delle periferie che lottano con il trasporto pubblico inefficiente e la mancanza di servizi. I malati che aspettano mesi per una visita nella sanità pubblica, perché quella privata non possono permettersela. Gli studenti con le scuole a pezzi a cui questo paese nega un futuro. Siamo le lavoratrici e i lavoratori che producono la ricchezza del paese.

Ma siamo anche quelli che non cedono alla disperazione e alla rassegnazione, che non sopportano di vivere in un’Italia sempre più incattivita, triste, impoverita e ingiusta. Ci impegniamo ogni giorno, organizzandoci in comitati, associazioni, centri sociali, partiti e sindacati, nei quartieri, nelle piazze o sui posti di lavoro, per contrastare la disumanità dei nostri tempi, il cinismo del profitto e della rendita, le discriminazioni di ogni tipo, lo svuotamento della democrazia.

Crediamo nella giustizia sociale e nell’autodeterminazione delle donne, degli uomini, dei popoli. Pratichiamo ogni giorno la solidarietà e il mutualismo, il controllo popolare sulle istituzioni che non si curano dei nostri interessi. In questi anni abbiamo lottato contro i licenziamenti, il Jobs Act, la riforma Fornero e quella della Scuola e dell’Università; contro la privatizzazione e i tagli della Sanità e dei servizi pubblici; per la difesa dei beni comuni, del patrimonio pubblico e dell’ambiente da veleni, speculazioni, mafie e corruzione, per i diritti civili; contro le politiche economiche e sociali antipopolari dell’Unione Europea; contro lo stravolgimento della Costituzione nata dalla Resistenza e per la sua attuazione. Per un mondo di pace, in cui le risorse disponibili siano destinate ai bisogni sociali e non alle spese militari. E ogni giorno ci impegniamo a costruire socialità, cultura e servizi accessibili a tutte e tutti.

Abbiamo deciso di candidarci alle elezioni politiche del 2018. Tutte e tutti insieme. Perché questo pezzo di paese escluso è ormai la maggioranza, e deve essere ascoltato. Perché se nessuno ci rappresenta, se nessuno sostiene fino in fondo le nostre battaglie, allora dobbiamo farlo noi. Perché siamo stanchi di aspettare che qualcuno venga a salvarci…

Abbiamo deciso di candidarci per creare un fronte contro la barbarie, che oggi ha mille volti: la disoccupazione, il lavoro che sfrutta e umilia, le guerre, i migranti lasciati annegare in mare, la violenza maschile contro le donne, un modello di sviluppo che distrugge l’ambiente, i nuovi fascismi e razzismi, la retorica della sicurezza che diventa repressione.

Abbiamo deciso di candidarci facendo tutto al contrario. Partendo dal basso, da una rete di assemblee territoriali in cui ci si possa incontrare, conoscere, unire, definire i nostri obiettivi in un programma condiviso. Vogliamo scegliere insieme persone degne, determinate, che siano in grado di far sentire una voce di protesta, che abbiano una storia credibile di lotta e impegno, che rompano quell’intreccio di affari, criminalità, clientele, privilegi, corruzione.

Potere al Popolo significa costruire democrazia reale attraverso le pratiche quotidiane, le esperienze di autogoverno, la socializzazione dei saperi, la partecipazione popolare. Per noi le prossime elezioni non sono un fine bensì un mezzoattraverso il quale uscire dall’isolamento e dalla frammentazione, uno strumento per far sentire la voce di chi resiste, e generare un movimento che metta al centro realmente i nostri bisogni.

Vogliamo unire la sinistra reale, quella invisibile ai media, che vive nei conflitti sociali, nella resistenza sui luoghi di lavoro, nelle lotte, nei movimenti contro il razzismo, per la democrazia, i beni comuni, la giustizia sociale, la solidarietà e la pace.

Affronteremo questa campagna elettorale con gioia, umanità ed entusiasmo. Con la voglia di irrompere sulla scena politica, rivoltando i temi della campagna elettorale. Non abbiamo timore di fallire, perché continueremo a fare – prima, durante e dopo l’appuntamento elettorale – quello che abbiamo sempre fatto: essere attivi sui nostri territori. Perché ogni relazione costruita, ogni vertenza che avrà acquisito visibilità e consenso, ogni persona strappata all’apatia e alla rassegnazione per noi sono già una vittoria. Non stiamo semplicemente costruendo una lista, ma un movimento popolare che lavori per un’alternativa di società ben oltre le elezioni.

Insieme possiamo rimettere il potere nelle mani del popolo, possiamo cominciare a decidere delle nostre vite e delle nostre comunità. Chi accetta la sfida?

#accettolasfida #poterealpopolo

Per sottoscrivere il manifesto scrivi a accettolasfida2018@gmail.com

http://poterealpopolo.org/manifesto/

#esploratestesso – La conoscenza e la fiducia come motore del nuovo mondo digireale

I sistemi sociali in cui è bassa la fiducia (o alta la diffidenza) sono quelli in cui si vive peggio. La mancanza di regole chiare ed un sottobosco di pratiche di business non chiare (corruzione) è la zavorra di cui l’Italia dovrebbe liberarsi.

In questo video scoprirai perchè la conoscenza non è più un vantaggio competitivo e come possiamo comprendere meglio il mondo esterno così diverso da quello dei nostri genitori.

Articolo offerto da Bed&Breakfast  Villa Comics. Prenota subito la tua vacanza con codice sconto #ec1112.

Simone Tornabene si occupa di Digital Strategy e Social Media. Ex allievo SSC, ha lavorato come Head of Digital presso il gruppo Mondadori, ed è oggi membro di Digital Dictionary e insegnante presso l’Università IED, Università di Torino e Università di Parma. Appassionato di Oriente e praticante di Ashtanga Yoga, è spesso invitato a parlare in pubblico riguardano il come i canali digitali possono generare vantaggi strategici e radicali.

Offerta smartphone per evento #esploratestesso

La Galacom, sponsor del workshop gratuito #esploratestesso mette in offerta lo smartphone descritto qui sotto alla cifra di 149 euro.

Xiaomi Redmi Note 4X 4G Smartphone Android 6.0 5,5 pollici Snapdragon 625 Octa Core 2,0GHz Impronta Digitale 5,0MP + 13,0MP Fotocamere

Caratteristiche principali:

Display: 5,5 pollici FHD 2,5D schermo d’arco

CPU: Snapdragon 625 Octa Core 2,0GHz

GPU: Adreno 506

Sistema: Android 6.0 (MIUI 8.1)

Fotocamere: fotocamera posteriore 13,0MP con AF e lampada + fotocamera frontale 5,0MP

Bluetooth: 4.2

Navigazione: GPS, A-GPS, GLONASS

Sensore: accelerometro, sensore di luce ambientale, sensore di gravità, giroscopio, infrarosso, sensore di prossimità, sensore di impronte digitali

SIM scheda: doppia SIM doppio standby, Micro SIM + Nano SIM schede

Rete:

2G: GSM B2 / 3/5/8 CDMA 2000 / 1X BC0

3G: WCDMA B1 / B2 / B5 / B8 TD-SCDMA B34 / B39

4G: FDD-LTE B1/B3/B5/B7/B8 TD-LTEB38/B39/B40/B41(2555-2655MHz)

Per maggiori informazioni lascia un commento