Esiste la vita oltre la morte?

Il Dott. Giampaolo Origlia è un fisico. Ha studiato e insegnato fisica. Un giorno riceve una telefonata dai carabinieri che gli chiedono se è il papà di Luca. Lui presagisce già qualcosa di sinistro; il figlio Luca è morto in un incidente d’auto. Il mondo crolla addosso a lui e a sua moglie. Sopravvivere ai propri figli è qualcosa di innaturale, doloroso, inconcepibile. Inizia successivamente a porsi delle domande , lui un fisico, abituato a trattare argomenti razionali, numeri ed equazioni complesse, formule scientifiche ed esperimenti ripetibili e verificabili… incomincia a pensare all’imponderabile, al non-misurabile, l’ipotetico e astratto tema del dopo-vita, dell’aldilà. Giampaolo nonostante abbia una formazione scientifica e una mente lucida e razionale, non riesce a rassegnarsi che il suo Luca sia scomparso nel nulla. …Puff…svanito! No! Ci deve essere qualcosa che sopravvive alla morte. O almeno lo spera. Incomincia a leggere e documentarsi, a sbirciare articoli che mai si sarebbe sognato di consultare. Ricordiamoci che stiamo parlando di un uomo che ha studiato e insegnato fisica, una materia matematica, una branca della scienza che postula causa/effetto ripetibile e verificabile. Giampaolo viene a conoscenza di una certa Natuzza Evolo, una mistica che abita in Calabria a Paravati. Quello che legge di questa donna lo colpisce. Testimonianze di migliaia di persone che certificano la sua buona fede, non chiede soldi, viene addirittura consultata da chirurghi e medici laddove questi hanno problemi a diagnosticare qualche strano male e puntualmente Natuzza gli dice diagnosi e punto del corpo da trattare. Giampaolo non perde tempo, non ci pensa due volte, insieme a sua moglie si reca in calabria a Paravati dove precedentemente aveva preso un appuntamento con Natuzza. Quello che segue è il suo racconto. Incredibili prove della sopravvivenza del suo Luca lo attendono…

Annunci

Perchè possiamo essere ottimisti. Qualcosa sta accadendo – Paolo di Cesare 

Mentre ogni giorno abbiamo mille ragioni per dire che tutto va male possiamo girare lo sguardo e scoprire che ci sono altre mille ragioni per dire che tutto va bene. Nella battaglia tra ottimisti e pessimisti sembra sempre che gli ultimi abbiano una ragione in più ma non è così. Il mondo cambia e se noi ci impegniamo per accelerare questo cambiamento positivo la terra potrà essere ancora il paradiso che molti di noi hanno sperimentato la dove manca l’intervento umano.

Lascia un commento e, se vuoi, visita eccellenze.org/kaizen per diventare anche tu un ottimista