Te regalasse a me! Nancy Coppola

Parlo cu nato e te ma comme’ brutto nisciuno sape e nuije e me sto zitta all’improvviso po alluccasse forte pcché te voglio bene assaje cchiù e me Te regalle a me te ragalasse o meglio e tutte e cose belle ca parlano e te purtasse arete o tiempo e ne scurdasse e tutte r cose c’aggio fatto primme e te ‘ncuntrà nun m’annammurasse ‘cchiù e tenesse sulo a te pe tutte a vita Te ragallasse Cielo, Terra e pure e stell tanto ca fantasia tutto se pó accattà te cammenasse appere pe dinto a stu core e te purtasse fino addo staje e case tu pcché si l’unico, l’unico ca ma RATO tutte e cose ca isso nun ne ra Sultante ‘insieme a te e tutte cose bello o vase tuoje che fa cammina ‘ngoppo a pelle tempesta e sentimenti me si trasuti a dinto te voglio ‘insieme a me te voglio ogni mumento te ragalasse a me te ragalasse o meglio e tutte e cose belle ca parlano e te purtasse arete o tiempo e ne scurdasse e tutte e cose c’aggio fatto primme e te ‘ ncuntrà nun n’annammurasse cchiù e tenesse sule a te pe tutte a vita, pe tutte a vita Te regalasse Cielo, Terra e pure e stelle tanto ca fantasia tutto se po accattà te cammennasse appere pe dinto a stu core e te purtasse fino addi staje e casa tu pcché si l’unico, l’unico ca ma rate tutte e cose ca isso nun ne ra PCCHÉ O CORE QUANNE S’ ANNAMMORE NUN VI SENTÌ RAGIONI NUN SE PO CHIAMMÀ PECCATO SI PÒ ARINTO NU STAJE BUONE MA C’ AGGIA FA, AGGIA FA SI SULO TU CU NA PAROLA ME CAGNE A VITA PURE SI È PE NA MEZZ’ ORA PASSO O TIEMPO MA TY NUN PASSR MAJE O SAJE PECCHÉ? PECCHÈ O TIEMPO MIO SÉ FERNATI ‘ NSIEME A TE Te regalasse Cielo, Terra e pure e Stelle tanto ca fantasia tutto se po accattà te cammenasse appere pe dinto a stu core e te purtasse fino addo staje e case tu pcché si l’unico, l’unico ca ma rato tutte e cose ca isso nun me ra

Annunci

Train – Hey, Soul Sister” traduzione – testi di canzoni

Heeey heeeey heeeeey
Il tuo rossetto macchia il lobo frontale

della parte sinistra del mio cervello

Sapevo che non ti avrei dimenticato

E così sono andato avanti ed ho permesso che tu mi sbalordissi

Le tue dolci movenze

Il tuo odore

In ogni singolo sogno che faccio

Sapevo che ci saremmo scontrati

Tu sei quella che ho deciso

essere proprio il mio tipo
Hey anima gemella,

non c’’è quel signore, signore

alla radio, stereo

Il modo in cui ti muovi, non è giusto, sai?

Hey anima gemella,

Non voglio perdermi

Una sola cosa che fai stanotte
Heeey heeeey heeeey
Giusto in tempo,

Sono così felice che tu abbia

Una mente a un solo binario come me

Hai dato delle direttive alla mia vita

Un gioco che mostra la connessione d’amore,

Non possiamo negarlo
Sono così ossessionato

Il mio cuore è legato al battito

fuori dal mio petto indefinito

Io credo in te, come una vergine,

Sei una Madonna

E vorrò sempre 

sbalordirti
Hey anima gemella,

non c’’è quel signore, signore

alla radio, stereo

Il modo in cui ti muovi, non è giusto, sai?

Hey anima gemella,

Non voglio perdermi

Una sola cosa che fai stanotte
Beh, balli talmente bene che

Guardarti è la sola droga di cui ho bisogno

Quindi, gangster, sono un tale teppista che

Tu sei la sola che sogno

Vedi, adesso finalmente posso essere me stesso

Infatti non c’è niente che io non possa essere

Voglio che il mondo veda che tu sarai con me
Hey anima gemella,

non c’’è quel signore, signore

alla radio, stereo

Il modo in cui ti muovi, non è giusto, sai?

Hey anima gemella,

Non voglio perdermi

Una sola cosa che fai stanotte

Hey anima gemella,

Non voglio perdermi

Una sola cosa che fai stanotte

Heeey heeeey heeeeey (stanotte)

Heeey heeeey heeeeey (stanotte)

Biagio Antonacci – Se fosse per sempre” – testo

Se l’amor si paga dopo
Noi senza inferno, non resteremo
Se l’amor mi costa questo
Non voglio sconti, voglio pagare, io
Innocente mai mai
Invadente mai mai
Prigioniero mai mai
Fuori tempo mai mai
Non regalo mai mai
Non ritardo mai mai
Non dipendo mai mai
Non ho pace mai

E se fosse per sempre, mi stupirei
E se fosse per sempre, ne gioirei
Perchè quando mi rubi e mi stacchi dal mondo
Sale forte il rumore
E l’amore va in sole

Tra la polvere del mondo
Mi son trovato e ho camminato
Nelle mani avevo fiori e tante scuse
Per non morire
Tu, disillusa mai mai, esordiente mai mai
Regolare mai mai, indecente mai mai
Non mi perdi mai mai, ma non perdi mai mai
Non confessi mai mai, non subisci mai mai

E se fosse per sempre, mi stupirei
E se fosse per sempre, ne gioirei
Perchè quando mi rubi e mi stacchi dal mondo
Sale forte il rumore dell’amore
E l’amore va in sole

Mia divinità a corrente continua
Mia che come te non ne fanno mai più
Profumiamo insieme di un’essenza che resta
Cosa vuoi che sia la diversità

E se fosse per sempre mi stupirei
E se fosse per sempre

#testidicanzoni – Generale – De Gregori

il mondo cambia con il tuo esempio non con la tua opinione paulo coelho

Generale, dietro la collina
ci sta la notte crucca e assassina,
e in mezzo al prato c’è una contadina,
curva sul tramonto sembra una bambina,
di cinquant’anni e di cinque figli,
venuti al mondo come conigli,
partiti al mondo come soldati
e non ancora tornati.

Generale, dietro la stazione
lo vedi il treno che portava al sole,
non fa più fermate neanche per pisciare,
si va dritti a casa senza più pensare,
che la guerra è bella anche se fa male,
che torneremo ancora a cantare
e a farci fare l’amore, l’amore dalle infermiere.

Generale, la guerra è finita,
il nemico è scappato, è vinto, è battuto,
dietro la collina non c’è più nessuno,
solo aghi di pino e silenzio e funghi
buoni da mangiare, buoni da seccare,
da farci il sugo quando viene Natale,
quando i bambini piangono
e a dormire non ci vogliono andare.

Generale, queste cinque stelle,
queste cinque lacrime sulla mia pelle
che senso hanno dentro al rumore di questo treno,
che è mezzo vuoto e mezzo pieno
e va veloce verso il ritorno,
tra due minuti è quasi giorno,
è quasi casa, è quasi amore.

 

#poesie – Jovanotti – Ragazza Magica

Che gioia la notte, ti ho visto ballare
Poi rider di gusto senza malignità
La gente se vuole sa esser feroce
Sarcastica e cinica e senza pietà

Questa cosa che niente più vale la pena
Di starci a pensare che poi tanto, boh
A me non mi piace, io credo che invece
Il tempo è prezioso, davvero un bel po’

Io quando ti guardo mi basta guardarti
E una bella notizia che porta allegria
Non c’è un paragone, non è che un milione
Di altre notizie, ti portano via

A forza di essere molto informato
So poco di tutto e dimentico di
Guardarti negli occhi, sbloccare i miei blocchi
Alzare il volume e pensare che sì, oh sì

La mia ragazza è magica
E lancia in aria il mondo e lo riprende al volo
Trasforma un pomeriggio in un capolavoro
E mi fa stare bene, oh-yeah
Quando io sto con lei

Se metti un vestito stampato a colori
In gara coi fiori, per me vinci te
Non è l’apparenza, ma è l’apparizione
Che ti fa risplendere davanti a me

Sei luce di stella, permetti la vita
Qui nel mio pianeta tutto parla di te
Il sangue che brilla, la mia clorofilla
Che scorre nel legno di mille chitarre

Di mille violini suonati dal vento
Di mille telefoni in cerca di campo
E’ meglio per te che quando ti guardo
Non sai che ti guardo, così come se

La luna sapesse che stiamo a guardarla
Potrebbe decidere chi non ce n’è
E mettersi in posa, cambiare qualcosa
Invece è bellissima così com’è, così com’è, così com’è

La mia ragazza è magica
E lancia in aria il mondo e lo riprende al volo
Trasforma un pomeriggio in un capolavoro
E mi fa stare bene, oh-yeah
Quando io sto con lei

Ispiri i poeti, confondi i magneti
Tu sei la mia luna, tu sei la mia dea
Che sale e che scende, si spegne e si accende
Governa gli amori, su e giù la marea

E mandi i gatti sui tetti a star fuori le notti
Che poi quand’è giorno ti sembrano pigri
Ma è solo stanchezza che tutta l’ebrezza
Di notti d’amore da piccole tigri

Si sentono allegri, si fingono saggi
Domestici e lenti, un po’ come noi
Che condividiamo la stessa natura
Selvatica in fondo, che bella che sei

Se il frigo è deserto mi porti all’aperto
Vogliamo una mela e mi passa la fame
E quando mi perdo e non mi ricordo
Mi basta pensarti e poi mi ricordo
Il mio posto dov’è, il mio posto sei te

La mia ragazza magica
Che lancia in aria il mondo e lo riprende al volo
Trasforma un pomeriggio in un capolavoro
E mi fa stare bene quando io sto con lei
E mi fa stare bene quando io penso a lei
Basta che penso a lei

Written by Lorenzo Cherubini • Copyright © Universal Music Publish, Warner Chappell Mus

#poesie – Wish You Were Here – Pink Floyd traduzione

Dunque pensi di saper distinguere

il paradiso dall’inferno?

Cieli azzurri dal dolore?

Conosci la differenza tra un campo verde

e un freddo binario d’acciaio?

Un sorriso da un velo?

Credi di saperli distinguerli?

Ti hanno fatto barattare

i tuoi eroi con dei fantasmi?

Calde ceneri per alberi?

Aria calda per una fresca brezza?

Una fredda sensazione di agio per il cambiamento?

E hai barattato una parte da comparsa in guerra

con una posizione di comando in gabbia?

Quanto vorrei, quanto vorrei che tu fossi qui.

Siamo soltanto due anime perse

che nuotano in una boccia per i pesci rossi.

Anno dopo anno,

correndo sul solito vecchio terreno,

cosa abbiamo trovato?

Le stesse vecchie paure.

Vorrei che tu fossi qui.

#poesie – Il centro del mondo – Ligabue

Portami dove mi devi portare
Africa, Asia o nel primo locale
fammi vedere che cosa vuol dire partire davvero
Portami dove non posso arrivare
dove si smette qualsiasi pudore
fammi sentire che cosa vuol dire viaggiare leggeri

Sei sempre così
il centro del mondo
il viaggio potente nel cuore del tempo andata e ritorno

Portami ovunque portami al mare
portami dove non serve sognare
chiedemi il cambio solo se devi,
sei brava a guidare
E dopo portami oltre che lo sai fare
dove sparisce qualsiasi confine
fammi vedere che cosa vuol dire viaggiare col cuore

Sei sempre così
il centro del mondo
il primo bengala sparato nel cielo quando mi perdo
sei sempre così il centro del mondo
ti prendi il mio tempo
ti prendi il mio spazio
ti prendi il mio meglio

Portami dove mi devi portare
Venere, Marte o altri locali
fammi vedere che cosa succede a viaggiare davvero

Sei sempre così
il centro del mondo
il primo bengala sparato nel cielo quando mi perdo
sei sempre così il centro del mondo
ti prendi il mio tempo
ti prendi il mio spazio
ti prendi il mio meglio

Vita – Emanuele Montesano

VITA

 

Sola chiusa dentro una camera, nelle mani foto tristi che si bagnano.

Passerà tutto passa, così dicono, parole che mai come ora, sento incredibili.

Io spero che non si spezzerà, un’altra vita, un altro petalo di rosa, non voli via.

RIT.

Come piange la città quando piove, così anch’io pensando a te, spengo il sole dentro me.

 

Attimi di un sogno che non vivo più, nessuno mai potrà ridarmi, la mai vita.

Può darsi che il vento asciugherà le lacrime, di una madre che piangerà davanti a Dio.

Come piange la città quando piove, così anch’io pensando a te, spengo il sole dentro me.

E’ difficile così vivere, forza e voglia non ho più, di soffrire ancora.

Poi di notte mi sveglierai, la tua anima con me, l’ultimo saluto e poi ti perderò.

Buio… dentro gli occhi che si spengono, nessuno mai potrà ridarmi la mia vita.

 

 

Cara maestra – Luigi Tenco

 

Cara maestra, un giorno m’insegnavi
che a questo mondo noi, noi siamo tutti uguali;
ma quando entrava in classe il Direttore
tu ci facevi alzare tutti in piedi,
e quando entrava in classe il bidello
ci permettevi di restar seduti…

Mio buon curato, dicevi che la chiesa
è la casa dei poveri, della povera gente
però hai rivestito la tua chiesa, di tende d’ oro e marmi colorati
come può adesso un povero che entra
sentirsi come fosse a casa sua
Egregio sindaco, mi hanno detto che un giorno
tu gridavi alla gente, vincere o morire
ora vorrei sapere come mai, vinto non hai eppure non sei morto
e al posto tuo è morta tanta gente
che non voleva nè vincere nè morire.

Comunque andare – Alessandra Amoroso

Comunque andare
Anche quando ti senti morire
Per non restare a fare niente aspettando la fine
Andare perché ferma non sai stare
Ti ostinerai a cercare la luce sul fondo delle cose

Comunque andare
Anche solo per capire
O per non capirci niente
Però all’amore poter dire ho vissuto nel tuo nome
E ballare e sudare sotto il sole
Non mi importa se mi brucio la pelle
Se brucio i secondi, le ore
Mi importa se mi vedi e cosa vedi
Sono qui davanti a te
Coi miei bagagli ho radunato paure e desideri

 

Comunque andare anche quando ti senti svanire
Non saperti risparmiare ma giocartela fino alla fine
E allora andare che le spine si fanno sfilare
E se chiudo gli occhi sono rose e il profumo che mi rimane
E voglio ballare e sudare sotto il sole
Non mi importa se mi brucio la pelle
Se brucio i secondi le ore
Mi importa se mi vedi e cosa vedi
Sono qui davanti a te
Coi miei bagagli ho radunato paure e desideri

Comunque andare perché ferma non so stare
In piedi a notte fonda sai che mi farò trovare
E voglio ballare e sudare sotto il sole
Non mi importa se mi brucio la pelle
Se brucio i secondi le ore
E voglio sperare quando non c’è più niente da fare
Voglio essere migliore finché ci sei tu
E perché ci sei tu da amare

Dimmi se mi vedi e cosa vedi
Mentre ti sorrido io coi miei difetti ho radunato paure e desideri
Written by Alessandra Amoroso, Elisa Toffoli • Copyright © Universal Music Publishing Group

 

 

 

#perlina

Cigarettes and coffee – Migliacci-Scialpi

 

Cigarettes and coffee niente più
È tutto quel che resta sopra il tavolo di un bar
I video sono spenti nessuno parla più e tu
Tu qualunque letto avrai non dormirai
Tu vuoi qualcuno da far piangere
Piangere tanto quanto hai pianto tu
Siamo isole nell’oceano della solitudine
E arcipelaghi le città dove l’amore naufraga
Giù dai marciapiedi un cuore rotola
Lo accarezza solo la musica…musica
Cigarettes and coffe niente più
Un po’ di fumo che va su


L’amore prende i sensi ma senso non ne ha e tu
Per un’avventura in più non dormirai
Tu vuoi qualcuno da far piangere
Piangere quanto te
Siamo isole nell’oceano della solitudine
E arcipelaghi le città io ti vorrei raggiungere
L’amore accende i fari nelle tenebre
La nebbia scende non ti vedo più
Siamo isole nell’oceano della solitudine
E arcipelaghi le città dove l’amore naufraga
Giù dai marciapiedi un cuore rotola
Lo accarezza solo la musica…musica

Il posto dei santi – Giuliano Sangiorgi – Negramaro

 

Ho leccato via il sale dagli occhi

per saperti più forte degli altri

ho nascosto le pieghe del nostro cuscino

perché tu non possa annoiarti.

Ho rubato l’odore dei sensi

ti ho sentito con il naso che menti

ho tenuto ben stretto tra i denti il respiro

per non far sapere i tormenti.

Ho sentito il rumore del cielo

diventare ogni giorno più grande

ho copiato i frastuoni

che fanno anche gli alberi

quando la vita è ingombrante.

Ho ingoiato il sudore del mare

indossando le nuvole grigie

ho capito che tutto appartiene

al resto che manca non solo se esiste.

Vivere

non è abbastanza se

non c’è distanza che

non ti permetta di desiderare.

Perdersi

per poi riprendersi

non è dividersi

siamo sostanza che non può sparire.

Ho strappato le ali dei sogni

per cadere ogni volta sui tetti

preferisco restare coi gatti sul mondo

che tanto comunque ritorni.

E ti accorgi che quello che senti

ha radice nel posto dei santi

ma tradotto nei gesti dell’uomo

che sbaglia ogni volta si torna perdenti.

Ho invitato le nuovi stagioni

per cambiare la pelle del giorno

ho coperto ogni singola parte di pelle

del corpo con petali e fiori.

Ho chiamato per nome coi santi

troppo comodi troppo distanti

li ho convinti ad avere paura

di quelli che giocano a fare i potenti.

Vivere

non è abbastanza se

non c’è distanza che

non ti permetta di desiderare.

Perdersi

per poi riprendersi

non è dividersi

siamo sostanza che non può sparire.

Vivere

non è abbastanza se

non c’è una danza che

non ti convinca di poter volare

liberi senza rinchiudersi

e infine arrendersi

a questa stanza che non sa dormire.

Mi sono accorto proprio adesso

che non ha muri quest’inverno

dagli occhi passa solo vento

e porta via con se il rimpianto

di un cielo che non si è più spento

illudimi che adesso posso

vivere

vivere.

Vivere

non è abbastanza se

non c’è una danza che

non ti convinca di poter volare

liberi senza rinchiudersi

e infine arrendersi

a questa stanza che non sa dormire.

a questa stanza che non sa dormire

in questa stanza che non sa dormire

siamo sostanza che non può sparire

non puoi sparire

tu non sparire!

image