La ragione di un viaggio – D.A.M.

“Viviamo come se non dovessimo mai morire,
e moriamo, così, inutilmente spendendoci,
senza avere mai completamente vissuto:
un verso che non troverà l’ultima rima.

Rimandiamo a domani un ‘ti amo’, un ‘mi manchi’
a un amore sentito, un ‘ti voglio bene’ a un amico ,
certi che ci sia il domani per farlo,
ma la certezza è spesso solo il rimpianto
di un abbraccio mancato e di un non esserci stato,
di un non aver tentato, oltre te stesso averci provato.

Serbiamo rancori e costruiamo belle menzogne,
feriamo indolenti con parole di carta vetrata
credendo che basti a far tabula rasa
l’ inflazionata parola ‘perdono’.

Corriamo scorrendo la vita
con la pretesa di colmare gli attimi di un senso
riempiendo le trancianti lancette di un orologio già fermo;
ma il senso qual è se non quello
di spegnersi sereni negli occhi di un figlio
cui lasciare la propria più grande eredità d’affetti
e d’aver dato come foglia d’autunno anche l’ultimo colore.

Urliamo i pensieri
nelle brevi distanze che separano i cuori,
basterebbe ascoltarne il sussurro
e da irredenti saremmo oltre i loro confini.

Avevo solo questo da dirti,
e volevo dirtelo oggi!”

© Domenico Antonio Matalone – DAM
Copyright © 2014 – Tutti i diritti riservati L. 633/1941

Annunci

Buddismo

Questo articolo fa parte della collezione #imparagratis del sito GuidaItalia.org

Aiutaci a costruire la pagina più completa sul buddismo

 

Il buddismo zen spiegato semplicemente

 

 

 

Buddismo in breve spiegato da un monaco buddista

 

 

 

Visita la nostra pagina su reddit reddit.com/r/digireale

Vivere la vita – testo

VIVERE LA VITA ALESSANDRO MANNARINO VOCE: RUBEN APREA Vivere la vita è una cosa veramente grossa C’è tutto il mondo tra la culla e la fossa Sei partito da un piccolo porto Dove la sete era tanta e il fiasco era corto E adesso vivi…. Perché non avrei niente di meglio da fare finchè non sarai morto La vita è la più grande ubriacatura Mentre stai bevendo intorno a te tutto gira E incontri un sacco di gente Ma quando passerà non ti ricorderai più niente Ma non avere paura, qualcun’ altro si ricorderà di te Ma la questione è…Perché???

 

 

Perché ha qualcosa che gli hai regalato Oppure avevi un debito…e non l’hai pagato??? Non c’è cosa peggiore del talento sprecato Non c’è cosa più triste di una padre che non ha amato… Vivere la vita è come fare un grosso girotondo C’è il momento di stare sù e quello di cadere giù nel fondo E allora avrai paura Perché a quella notte non eri pronto Al mattino ti rialzerai sulle tue gambe E sarai l’uomo più forte del mondo Lei si truccava forte per nascondere un dolore Lui si infilava le dita in gola….per vedere se veramente aveva un cuore Poi quello che non aveva fatto la società l’ha fatto l’amore… Guardali adesso come camminano leggeri senza un cognome…. Puoi cambiare camicia se ne hai voglia E se hai fiducia puoi cambiare scarpe… Se hai scarpe nuove puoi cambiare strada E cambiando strada puoi cambiare idee E con le idee puoi cambiare il mondo… Ma il mondo non cambia spesso Allora la tua vera Rivoluzione sarà cambiare tè stesso Eccoti sulla tua barchetta di giornale che sfidi le onde della radiotelevisione Eccoti lungo la statale…che dai un bel pugno a uno sfruttatore Eccoti nel tuo monolocale… che scrivi una canzone Eccoti in guerra nel deserto che stai per disertare E ora…eccoti sul letto che non ti vuoi più alzare… E ti lamenti dei Governi e della crisi generale… Posso dirti una cosa da bambino??? Esci di casa! Sorrdi!! Respira forte!!! Sei vivo!!!…cretino….