Resilienza – Domenico Antonio Matalone

“Avere consapevolezza del significato del vivere è alquanto arduo, né l’interpretazione della parzialità di un vissuto può permettere di cogliere l’indefinito che si rende percepibile solo nel preciso attimo speso.
E’ necessario azionarsi, lasciare l’ inanismo stazionale contemplativo, il pedissequo rovistare con parole nuove, andare verso una qualche direzione.
Si conosce il rumore delle acque chete solo nel momento in cui il remo le increspa, così dell’aria la compattezza a muro, nella caduta che dispiega forzatamente le ali. Non tutti i fuochi ardono con l’intensità con cui appaiono in fervide fiamme, così non tutti i cuori scaldano nelle notti che gelano l’anima.
Bisogna dare le spalle alla terra delle credute certezze e inabissarsi verso orizzonti di nebbia. Bisogna andare, andare verso una qualche direzione che porti lontano dal silenzio partorito dalla quotidiana costanza e spendersi sui remi fino a lasciarci il sangue.
Ma prima di ogni altra cosa bisogna crederci.
Solo cosi ne sarà valsa la pena.
Bisogna credere in un sogno, fosse anche un sogno matto, e ci vuole coraggio, tanto coraggio. Perchè quando comprendi che la vita è appesa a un filo di vento, un solo fazzoletto di vela può bastare a farti approdare al senso di tutto questo necessario andare.”

© Domenico Antonio Matalone – DAM Copyright © 2018 – Tutti i diritti riservati L. 633/1941