Morir di puzza – Padre Patriciello – Caivano

MORIR DI PUZZA

CI STATE UCCIDENDO
LENTAMENTE
MISERAMENTE
STUPIDAMENTE

STIAMO MORENDO
NOI, I VOSTRI VECCHI AMICI
I VOSTRI PARENTI
LA VOSTRA STESSA GENTE

MORIR DI PUZZA
CHE MORTE IGNOMINIOSA
CHE MORTE MISERABILE
CHE VERGOGNOSA MORTE

MUOIONO I NOSTRI VECCHI
MUOIONO I BAMBINI
MUOIONO LE DONNE BELLE
MUOIONO I VICINI

PUZZIAMO TUTTI ORMAI
PUZZANO LE NOSTRE CASE
PUZZANO LE NOSTRE STRADE
PUZZANO LE NOSTRE CHIESE

NON FATE PIU’ GLI IRONICI
NON DITE PIU’ BUGIE
RIDIAMO LA SPERANZA
A CHI LA VA PERDENDO

MANGIAR DOBBIAMO TUTTI
MA È PANE MALEDETTO
PANE CHE NON SAZIA
IL PANE CHE SI IMPASTA
COL SANGUE DEI FRATELLI

Padre Maurizio Patriciello
Parco verde – Caivano

miglioramento-aforisma-jobs

https://www.facebook.com/italialimpida

#antimafia #camorra #napoli #terra-dei-fuochi #assenza-dello-Stato

I te vurria vasa’… -V. Russo – E. Di Capua,

Hai vinto!

I’ te vurria vasa’
Ah ! che bell’aria fresca
ch’addora e malvarosa.
E tu durmenno staje
ncopp’a sti ffronne ‘e rosa.

‘O sole a poco a poco
pe ‘stu ciardino sponta;
‘o viento passa e vasa
‘stu ricciulillo ‘nfronte.

‘I te vurria vasa’…
Ma ‘o core nun m’ ‘o ddice
‘e te sceta’.
‘I me vurria addurmi’
vicino ‘o sciato tujo
n’ora pur’i’!

Tu duorme, oj Rosa mia ?
E duorme a suonno chino;
rnentr’io guardo ‘ncantato
‘stu musso curallino.

E chesti carne fresche,
e chesti trezze nere,
me metteno ‘int’ ‘o core
mille male penziere.

‘I te vurria vasa’…
Ma ‘o core nun m’ ‘o ddice
‘e te sceta’.
‘I me vurria addurmi’
vicino ‘o sciato tujo
n’ora pur’i’!

Sento ‘stu core tujo
che sbatte comm’ ‘a ll’onne.
Durmenno, angelo mio,
chi sa tu a chi te suonne!

‘A gelusia turmenta
‘stu core mio malato;
te suonne a me? Dimmello…
O pure suonne a n’ato?

‘I te vurria vasa’…
Ma ‘o core nun m’ ‘o ddice
‘e te sceta’.
‘I me vurria addurmi’
vicino ‘o sciato tujo
n’ora pur’i’!

( V. Russo – E. Di Capua, 1900 )