Pino Daniele, tre anni dopo la morte parla il figlio Alessandro: “Ecco dove papà ha scritto Napul’è”

Conosci Pino Daniele? Questo video ti presenta qualcosa che forse non sai.
A 3 anni dalla morte un bel ricordo del figlio.

www.sensodellavita/corsi

La musica ed il senso della vita

Amo la musica sopra tutte le arti. Essa comincia dove la parola finisce: è la lingua universale di tutti i cuori che amano e dolorano sulla terra (e che altro è la vita se non amore e dolore?) ci solleva dalla realtà grigia all’impero sterminato e luminoso dei sogni; ci dà il sentimento e la nostalgia dell’Infinito. (Mario Rapisardi)

L’amore sofferto – Voce ‘e notte

Ieri sera si è svolta la prima edizione di #saprincanto, una esibizione canora realizzata dalla mezzo-soprano e vocal coach Rosa Bove. I dettagli della manifestazone sono qui http://www.saprincanto.info.

Questo il video della sua spettacolare interpretazione di una delle più belle canzoni del repertoio della musica classica napoletana

 

 

 

Questa canzone si potrebbe definire autobiografica. Racconta di un disperato innamorato che canta sotto il balcone della sua innamorata andata ad un’altro uomo.
Correva l’anno 1903 ed Eduardo Nicolardi, giovane poeta di 25 anni, si innamoro’ di Anna Rossi l’esile e bellissima vicina di casa figlia di un facoltoso commerciante di cavalli. Quando questi dichiaro’ il suo amore ai genitori di Anna, questi lo cacciarono via. La loro giovane figlia non poteva andare ad un giovane poeta dal futuro incerto, ma a Pompeo Corbera, un ricco cliente del padre dalla veneranda eta’ di 75 anni. Il destino, o l’età dell’anziano marito, volle che l’amore trionfasse. Infatti dopo poco tempo dal matrimonio, Pompeo Corbera morì ed i due poterono coronare il loro sogno d’amore e noi avere una delle piu’ belle canzoni d’amore di tutti i tempi.
(by Umberto de Fabio)

Si ‘sta voce te scéta ‘int”a nuttata,
mentre t’astrigne ‘o sposo tujo vicino…
Statte scetata, si vuó’ stá scetata,
ma fa’ vedé ca duorme a suonno chino…

Nun ghí vicino ê llastre pe’ fá ‘a spia,
pecché nun puó sbagliá ‘sta voce è ‘a mia…
E’ ‘a stessa voce ‘e quanno tutt’e duje,
scurnuse, nce parlávamo cu ‘o “vvuje”.

Si ‘sta voce te canta dint”o core
chello ca nun te cerco e nun te dico;
tutt”o turmiento ‘e nu luntano ammore,
tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico…

Si te vène na smania ‘e vulé bene,
na smania ‘e vase córrere p”e vvéne,
nu fuoco che t’abbrucia comm’a che,
vásate a chillo…che te ‘mporta ‘e me?

Si ‘sta voce, che chiagne ‘int”a nuttata,
te sceta ‘o sposo, nun avé paura…
Vide ch’è senza nomme ‘a serenata,
dille ca dorme e che se rassicura…

Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via
o sarrá pazzo o more ‘e gelusia!
Starrá chiagnenno quacche ‘nfamitá…
Canta isso sulo…Ma che canta a fá?!…”

 

La traduzione per chi non capisce la lingua napoletana

 

Se questa voce ti sveglia nella notte,  

mentre ti stringi al tuo sposo, vicino…..   

Resta sveglia, se davvero lo preferisci,

ma fingi di dormire profondamente.

Non andare alla finestra, per vedere.

perchè non puoi confonderti, questa è la mia voce,

la stessa voce di quanto noi due,

timidamente, ci parlavamo con il voi.

 

Se questa voce canta nel tuo cuore

Ciò che non riesco, né tento di dirti:

tutto il tormento per un perduto amore,

tutto l’amore per un tormento antico.

Se senti un gran desiderio di amare,

una voglia di baci scorrere nelle vene,

un fuoco che brucia l’anima ed il cuore,

baciati quel tizio, che t’importa di me!  

 

Se questa voce, piangente nella notte,

sveglia il tuo sposo, non aver timore,

vedi che la serenata è senza dedica,      

digli di dormire sicuro, che non è per te!

Digli così: “Chi canta in questo vicolo

forse è pazzo o lo strugge la gelosia!

Forse  piange qualche grave malefatta…

Nessuno lo ascolta …ma chi glielo fa fare?!

Barcarolle – Offenbach

La barcarola è una composizione vocale o strumentale, originariamente (anche se con altro nome, per esempio: Canzone da battello) usata da barcaioli e gondolieri.

È caratterizzata da:

  • tempo binario composto (due accenti all’interno dei quali vi è una suddivisione ternaria)
  • movimento moderato
  • ritmo uniforme che richiama il movimento ondulatorio di una imbarcazione
  • Mi come nota che viene ripetuta più volte

È utilizzata nella musica da camera e nell’opera ma anche in composizioni per strumento solista.

 

Les contes d’Hoffmann (in italiano: I racconti di Hoffmann) è un’opera fantastica in cinque atti di Jacques Offenbach su libretto di Jules Barbier, tratto da una pièce scritta nel 1851 assieme a Michel Carré.

È la seconda opera composta da Offenbach, compositore dedito al genere dell’operetta, che tuttavia morì prima di completarne la strumentazione, terminata in seguito da Ernest Guiraud. La prima rappresentazione assoluta avvenne all’Opéra-Comique di Parigi il 10 febbraio 1881.