Morii per la Bellezza – Emily Dickinson

Morii per la Bellezza, e non appena mi ebbero accomodata nella tomba un uomo morto per la Verità venne deposto nella stanza attigua. Mi chiese piano perche' fossi morta. "Per la Bellezza'', gli risposi pronta. ''Io per la Verità'', soggiunse lui. ''Sono una cosa sola, siam fratelli.'' Come parenti incontratisi una notte, conversammo da una …

Leggi tutto Morii per la Bellezza – Emily Dickinson

Emozioni – 20 anni dall’omicidio di Don Peppino Diana

Giuseppe Diana, chiamato anche Peppe Diana o Peppino Diana (Casal di Principe, 4 luglio 1958 – Casal di Principe, 19 marzo 1994), è stato un presbitero, scrittore e scout italiano, assassinato dalla camorra per il suo impegno antimafia[1][2]. Il suo impegno civile e religioso contro la camorra ha lasciato un profondo segno nella società campana. …

Leggi tutto Emozioni – 20 anni dall’omicidio di Don Peppino Diana

Elogio dei piedi – Erri De Luca

  Perché reggono l’intero peso. Perché sanno tenersi su appoggi e appigli minimi. Perché sanno correre sugli scogli e neanche i cavalli lo sanno fare. Perché portano via. Perché sono la parte più prigioniera di un corpo incarcerato. E chi esce dopo molti anni deve imparare di nuovo a camminare in linea retta. Perché sanno …

Leggi tutto Elogio dei piedi – Erri De Luca

C’è un paio di scarpette rosse… poesia di Joyce Lussu

C’è un paio di scarpette rosse numero ventiquattro quasi nuove: sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica Schulze Monaco c’è un paio di scarpette rosse in cima a un mucchio di scarpette infantili a Buchenwald più in là c’è un mucchio di riccioli biondi di ciocche nere e castane a Buchenwald servivano …

Leggi tutto C’è un paio di scarpette rosse… poesia di Joyce Lussu

Tanti auguri papà – poesia di Antonio Trani

Te ne sei andato all’improvviso come avesti voluto e da solo senza neanche un saluto. Senza dare a nessuno il modo di ringraziarti per esserci stato, per essere stato. Te ne sei andato senza lasciar detto nulla di più di quanto avessi già detto. Eppure di te e per te continuo a sentire e vedere. …

Leggi tutto Tanti auguri papà – poesia di Antonio Trani

Cinque Anatre – Guccini

Cinque anatre volano a sud: molto prima del tempo l'inverno è arrivato. Cinque anatre in volo vedrai contro il sole velato, contro il sole velato... Nessun rumore sulla taiga, solo un lampo un istante ed un morso crudele: quattro anatre in volo vedrai ed una preda cadere ed una preda cadere... Quattro anatre volano a …

Leggi tutto Cinque Anatre – Guccini

Lo scorpione – Trilussa

Quanno che lo Scorpione s'innamora chiama la Scorpioncina, je s'accosta e lì je fa la solita proposta come se fosse propio una signora. Pija un pretesto pe' portalla a spasso de dietro a quarche sasso, je zompa addosso eppoi credo che, su per giù, fa come noi. Ma er divario sta in questo: la compagna, …

Leggi tutto Lo scorpione – Trilussa

Strage di Capaci – marcomkc

Capaci. Cratere della civiltà. Sono stati capaci di farci respirare sangue. Con uno Stato incapace di difendere suoi Pezzi. Ci sono pezzi di carne nella mia anima. C'è odore di solitudine per le vittime. Mi appartengono le grida della moglie di Vito: "Vi perdono se avete il coraggio di cambiare...", e la foto di Falcone …

Leggi tutto Strage di Capaci – marcomkc

Il bombarolo – F. De André

Chi va dicendo in giro che odio il mio lavoro non sa con quanto amore mi dedico al tritolo, è quasi indipendente ancora poche ore poi gli darò la voce il detonatore. Il mio Pinocchio fragile parente artigianale di ordigni costruiti su scala industriale di me non farà mai un cavaliere del lavoro, io sono …

Leggi tutto Il bombarolo – F. De André

La notte e la memoria – Marco Costanzo

Stanotte ho guardato la notte, nera, assoluta. Unica speranza le limpide stelle, sguardi discreti di un timido Dio. Stamattina ho guardato mio figlio ed ho visto me e lui ad Auschwitz, separati al cancello dalla follia degli uomini. Stamattina ho provato un dolore, muto, assoluto. Che pena sapere che l'uomo non ha ancora imparato ad …

Leggi tutto La notte e la memoria – Marco Costanzo

Digitale Purpurea – Giovanni Pascoli

Siedono. L'una guarda l'altra. L'una esile e bionda, semplice di vesti e di sguardi; ma l'altra, esile e bruna,   l'altra... I due occhi semplici e modesti fissano gli altri due ch'ardono. «E mai non ci tornasti?» «Mai!» «Non le vedesti più?» «Non più, cara.» «Io sì: ci ritornai; e le rividi le mie bianche …

Leggi tutto Digitale Purpurea – Giovanni Pascoli