Truffa password INDIRIZZO email

Se hai ricevuto un messaggio dal tuo indirizzo email che dice che ti hanno rubato la password e ti chiedono dei soldi… devi ascoltare questo podcast

[2024] del giorno 18/01/2019: Cybersecurity – Security Info – Fibra City
http://podplayer.net/?id=62138052

Come si fa a digitalizzare la scuola?

Marco Montemagno ci svela con poche semplici parole il vero problema della scuola italiana. Così come la scuola molte altre aziende non hanno la preparazione necessaria per affrontare il vero cambiamento che deve essere attuato. La mancanza di competenze nasce dal fatto che ancora non si riconoscano i ruoli importanti dei facilitatori informatici. Delle persone che in qualche modo disegnano la nuova strategia informatica e divulgano le tecnologie necessarie per un miglioramento collettivo.

#informatica Utilizziamo l’autenticazione a due fattori

Un ingegnere di Google ha lanciato un importante allarme per quanto riguarda la sicurezza degli account Gmail. Secondo quanto affermato a The Register, i 90 per cento degli account Gmail non utilizzerebbero l’autenticazione a due fattori (2FA).

Grzegorz Milka, questo il nome dell’ingegnere di Google che ha rivelato il dato, ha anche affermato che la società per cui lavora ha scelto di non rendere obbligatoria l’autenticazione a due fattori in quanto altrimenti sarebbe costretta a sospendere troppi account.

https://tech.everyeye.it/notizie/l-allarme-google-90-degli-utenti-gmail-non-usa-autenticazione-due-fattori-318606.html

Computer e telefoni Apple a rischio come gli altri

Dice il saggio che una falsa sicurezza è peggiore dell’ insicurezza. Se avete un PC, uno smartphone android, un Mac o un iPhone iniziate a trattare i vostri dati sensibili In maniera più rispettosa e iniziate a capire meglio quanto i vostri dati siano al sicuro.

sensodellavita.com/corsi

Dal sito del sole 24 ore…

Non accenna a placarsi la tempesta abbattutasi sui chip nelle ultime ore . Anzi, nuove conferme rendono il quadro ancora più preoccupante. La più importante arriva direttamente da Apple, che nella notte ha diramato una nota nella quale ammette l’esistenza del problema. Una novità quasi assoluta nel campo della cybersicurezza. È noto, infatti, come le piattaforme Apple siano storicamente rimaste abbastanza lontane da problemi legati alla sicurezza informatica. Un po’ per una ragione di software (Apple utilizza sistemi molto chiusi, e quindi meno accessibili rispetto a quelli dei competitori), un po’ per un fatto di mercato (il mondo dei malware è orientato verso sistemi Windows e Android per un fatto di percentuali di diffusione). Stavolta che le vulnerabilità sono legate alla componente hardware, però, anche Apple è finita nel cerchio

Leggi il resto qui

mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/tecnologie/2018-01-05/apple-ammette-falle-chip-colpiti-tutti-dispositivi-mac-e-ios-084054.shtml?uuid=AExJ6GcD

Qui il link per capire come difendersi

www.wired.it/gadget/computer/2018/01/05/meltdown-spectre-proteggersi/

Il consumo critico in informatica

Ogni computer ha bisogno di un sistema operativo.
Il problema è che sui computer acquistati vi è quasi sempre una versione di windows preinstallata.
Molte persone non sanno che esiste un’alternativa a Microsoft così ben sviluppata da essere un sistea operativo completo.
Personaggi principali della rivoluzione sono:
Richard Stallman che fonda la free software foundation
Linus Torvalds che sviluppa un kernel (Nucleo centrale del sistema operativo)che va ad integrarsi perfettamente con il sistema.
Mark Shutterwold è il fondatore di ubuntu, una distribuzione GNU-linux fondata sulla semplicità e l’assistenza di esperti per le aziende che vogliono passare a linux
La legge impone che le pubbliche amministrazioni usino formati aperti e quindi la logica del software libero dovrebbe entrare negli enti locali.
Constatiamo che putroppo ancora non esiste una cultura del software libero nelle scuole e nelle altre organizzazioni pubbliche.
Educhiamo diffondendo questi video al rispetto dela pluralità dell’informatica attraverso internet.