Il senso della vita per un padre

Voi siete la mia vita. Siete la carne. Il sangue che l’attraversa. Siete l’aria che entra nei polmoni e l’acqua che mi disseta.
Siete le mie braccia. Le mie gambe. Il mio cervello e il mio cuore. Siete ogni organo del mio corpo che mi serve per vivere.
Siete il mio futuro. Siete quello che sarà di me dopo di me. Siete il mio ricordo e la mia speranza. Voi siete il mio rimorso e il mio rimpianto.
Voi siete la mia soddisfazione impareggiabile e la frustrazione per non essere stato mai abbastanza.
Siete il mio sogno. La mia grazia e la mia beatitudine.
Voi siete la mia pena e il mio dolore. Siete il tempo senza voi che non mi ridaranno mai.
Siete l’odio e la ricerca di un colpevole e siete l’amore e la confessione di una colpa.
Voi, comunque vada, siete il senso di immortalità che mi porterò fino alla morte.

Antonio Trani

 

 

Tanti auguri papà – poesia di Antonio Trani

Te ne sei andato all’improvviso come avesti voluto e da solo senza neanche un saluto.
Senza dare a nessuno il modo di ringraziarti per esserci stato, per essere stato.
Te ne sei andato senza lasciar detto nulla di più di quanto avessi già detto.
Eppure di te e per te continuo a sentire e vedere.
È così strana la normalità che sembra non essere tale ma normalità dovrà essere purtroppo.
Oggi Emanuele reciterà per me la sua poesia, io reciterò per te la mia ogni giorno che sentirò la tua mancanza, ogni giorno che ricorderò le mie poesie da bambino, ogni giorno che i miei figli avranno un padre, ogni giorno che… ogni giorno!
Auguri papà

Azzurro il cielo – Gina Scanzani

“AZZURRO IL CIELO
NELLO SPLENDIDO MATTINO,
RIDENTE DI COLORI SUONI E CANTI.

SERENA LA NOTTE,
TACITA E MISTICA,
PIENA DI LUCI E DI IMMENSITA’!”

Mi rivedo bimba, mentre guardo la foto.
Era il mio papà, che mi teneva la mano.
Un velo di nostalgia mi assale, pensando ai tempi andati,
e mai tornati,
di non aver goduto anch’io della sua beltà, la figura del papà!
Ora più di prima, sembra, me lo sento vicino,
come un padre non abbandona il suo pulcino;
e come tale non ha mai smesso di proteggermi,
e pararmi dalle impervie disavventure, della vita.
grazie papà!