Io desidero te, soltanto te

Io desidero te, soltanto te il mio cuore lo ripeta senza fine. Sono falsi e vuoti i desideri che continuamente mi distolgono da te. Come la notte nell’oscurità cela il desiderio della luce, così nella profondità dalla mia inconscienza risuona questo grido: ”io desidero te, soltanto te”. Come la tempesta cerca fine nella pace, anche […]

Vota:

Amami solo per amore dell’amore – Elizabeth Barret Browning

Sonetto XIV E se mi devi amare per null’altro sia che per amore. Non dire “L’amo per il suo sorriso, il suo sguardo, il modo gentile di parlare, per le sue idee che si accordano alle mie e che un giorno mi resero sereno”. Queste cose possono Amato, in sé mutare o mutare per te. […]

Vota:

Il tuo sorriso – Pablo Neruda

Toglimi il pane, se vuoi, toglimi l’aria, ma non togliermi il tuo sorriso. Non togliermi la rosa, la lancia che sgrani, l’acqua che d’improvviso scoppia nella tua gioia, la repentina onda d’argento che ti nasce. Dura è la mia lotta e torno con gli occhi stanchi, a volte, d’aver visto la terra che non cambia, […]

Vota:

Potessero le mie mani sfogliare – Federico Garcia Lorca

Pronunzio il tuo nome nelle notti scure, quando sorgono gli astri per bere dalla luna e dormono le frasche delle macchie occulte. E mi sento vuoto di musica e passione. Orologio pazzo che suona antiche ore morte. Pronunzio il tuo nome in questa notte scura, e il tuo nome risuona più lontano che mai. Più […]

Vota:

Così approdo – Lucia Schiano

Così approdo alla sponda più alta Barcolla il desiderio Affondo le mani artigli Su viscide pareti Di alghe ammuffite Il corpo abbandonato Nella coperta di mare Annegata Vago seguendo L’azzurro cielo condiviso Di amore strappato All’incauto destino Affidato Vana ogni certezza Preludio di ogni caduta Ammutolisce la luna Nell’imbrunito cielo. L.SCHIANO (I paesaggi dell’anima)

Vota:

Esposto – Giò Lauria

Nel torpore odiato nella notte confusa velando i pensieri volando il cielo stellato; concupiscenza di doni inaccessibili, desiderio della controparte anelata: ci sceglie e si scaglia contro le pareti ferrate del nostro egoismo. Finalmente il tempo di esporsi al rischio d’innamorarsi. Fatalmente reciso il bordo della bolla dove siamo separati dal mondo tutto che guarda […]

Vota:

E’ come una marea – Pablo Neruda

E’ come una marea, quando lei fissa su me i suoi occhi neri, quando sento il suo corpo di creta bianca e mobile tendersi a palpitare presso il mio, è come una marea, quando lei è al mio fianco. Disteso davanti ai mari del Sud ho visto arrotolarsi le acque ed espandersi incontenibilmente fatalmente nelle […]

Vota:

Il cielo in una stanza – Gino Paoli

Quando sei qui con me questa stanza non ha più pareti ma alberi, alberi infiniti quando sei qui vicino a me questo soffitto viola no, non esiste più. Io vedo il cielo sopra noi che restiamo qui abbandonati come se non ci fosse più niente, più niente al mondo. Suona un’armonica mi sembra un organo […]

Vota:

Tu non hai affatto capito – Evgenij A. Evtusenko

Tu non hai affatto capito, mia coscienza esigente, che è solo per debolezza se adesso ho bisticciato con te. E non hai affatto capito, quando con disprezzo ti sei vendicata, che causa di debolezza non impudenza fu – stanchezza. E non mi hai capito, e forse io non ho capito te, quando ti ho porto […]

Vota:

Per il mio cuore… – Pablo Neruda

Per il mio cuore basta il tuo petto, per la tua libertà bastano le mie ali. Dalla mia bocca arriverà fino in cielo ciò che stava sopito sulla tua anima. E in te l’illusione di ogni giorno. Giungi come la rugiada sulle corolle. Scavi l’orizzonte con la tua assenza. Eternamente in fuga come l’onda. Ho […]

Vota:

Dimmi se questo è vero – Tagore

Dimmi se questo è vero     Dimmi se questo è vero, amore mio, dimmi se questo è tutto vero. Quando questi occhi scagliano i loro lampi le oscure nubi nel tuo petto danno risposte tempestose. E’ vero che le mie labbra sono come il boccio del primo amore? Che la terra, come un’arpa, vibra […]

Vota:

Benvenuta, donna mia, benvenuta! – Hikmet

Benvenuta, donna mia, benvenuta! certo sei stanca come potrò lavarti i piedi non ho acqua di rose né catino d’argento certo avrai sete non ho una bevanda fresca da offrirti certo avrai fame e io non posso apparecchiare una tavola con lino candido la mia stanza è povera e prigioniera come il nostro paese. Benvenuta, […]

Vota: