Raccoglimento – Valerio Magrelli

Mia debolezza, debolezza mia, ma che devo fare con te? Ho cinquant’anni e tremo quando tuona, e sbaglio ancora posto come quando sbagliai banco all’asilo. Ho un corpo trapunto da graffe, il sonno come un campo di macerie, la forza che si sbriciola, la memoria in frantumi, e in questo Grande Sfascio l’unica intatta resti … Leggi tutto Raccoglimento – Valerio Magrelli

Annunci

Digitale Purpurea – Giovanni Pascoli

Siedono. L'una guarda l'altra. L'una esile e bionda, semplice di vesti e di sguardi; ma l'altra, esile e bruna,   l'altra... I due occhi semplici e modesti fissano gli altri due ch'ardono. «E mai non ci tornasti?» «Mai!» «Non le vedesti più?» «Non più, cara.» «Io sì: ci ritornai; e le rividi le mie bianche … Leggi tutto Digitale Purpurea – Giovanni Pascoli

da Pianissimo – Camillo Sbarbaro

Magra dagli occhi lustri, dai pomelli accesi, la mia anima torbida che cerca chi le somigli trova te che sull'uscio aspetti gli uomini. Tu sei la mia sorella di quest'ora. Accompagnarti in qualche trattoria di bassoporto e guardarti mangiare avidamente! E coricarmi senza desiderio nel tuo letto! Cadavere vicino ad un cadavere bere dalla tua … Leggi tutto da Pianissimo – Camillo Sbarbaro

Al mio amante che torna da sua moglie – Ann Sexton

GuidaItalia.org Guida Italia, scopri la più bella nazione al mondo. Ogni giorno una notizia insolita.     Lei è tutta là. Per te con maestria fu fusa e fu colata, per te forgiata fin dalla tua infanzia, con le tue cento biglie predilette fu costrutta. Lei è sempre stata là, mio caro. Infatti è deliziosa. … Leggi tutto Al mio amante che torna da sua moglie – Ann Sexton

Invocazione alla mummia – Antonin Artaud

Queste narici di pelle e d'ossa dove iniziano le tenebre dell'assoluto e il dipinto di queste labbra che tu chiudi come un tendaggio E quest'oro che ti scivola in sogno spogliandoti la vita delle ossa e i fiori di questo sguardo finto da cui raggiungi la luce Mummia le mani affusolate ti rivoltano i visceri, … Leggi tutto Invocazione alla mummia – Antonin Artaud

Tieni sempre presente – Madre Teresa di Calcutta

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe, i capelli diventano bianchi, i giorni si trasformano in anni. Però ciò che é importante non cambia; la tua forza e la tua convinzione non hanno età. Il tuo spirito e` la colla di qualsiasi tela di ragno. Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea … Leggi tutto Tieni sempre presente – Madre Teresa di Calcutta

da Taccuino d’Amore – Wislawa Szimborska

“Un amore felice. E’ normale? è serio? E’ utile? Che se ne fa il mondo di due esseri che non vedono il mondo? Innalzati l’uno vero l’altro senza alcun merito (…) Guardate i due felici: se almeno dissumulassero un po’, si fingessero depressi, confortando così gli amici! Sentite come ridono - è un insulto! (…) … Leggi tutto da Taccuino d’Amore – Wislawa Szimborska

E’ come una marea – Pablo Neruda

E' come una marea, quando lei fissa su me i suoi occhi neri, quando sento il suo corpo di creta bianca e mobile tendersi a palpitare presso il mio, è come una marea, quando lei è al mio fianco. Disteso davanti ai mari del Sud ho visto arrotolarsi le acque ed espandersi incontenibilmente fatalmente nelle … Leggi tutto E’ come una marea – Pablo Neruda

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi – Cesare Pavese

  Verrà la morte e avrà i tuoi occhi- questa morte che ci accompagna dal mattino alla sera, insonne, sorda, come un vecchio rimorso o un vizio assurdo. I tuoi occhi saranno una vana parola, un grido taciuto, un silenzio. Così li vedi ogni mattina quando su te sola ti pieghi nello specchio. O cara … Leggi tutto Verrà la morte e avrà i tuoi occhi – Cesare Pavese

Non dite che siamo pochi – Lee Kwang Su

  Non dite che siamo pochi e che l’impegno è troppo grande per noi. Dite forse che due o tre ciuffi di nubi sono pochi in un angolo di cielo d’estate? In un momento si stendono ovunque... Guizzano i lampi, scoppiano i tuoni e piove su tutto. Non dite che siamo pochi, dite solamente che … Leggi tutto Non dite che siamo pochi – Lee Kwang Su

Tu non hai affatto capito – Evgenij A. Evtusenko

Tu non hai affatto capito, mia coscienza esigente, che è solo per debolezza se adesso ho bisticciato con te. E non hai affatto capito, quando con disprezzo ti sei vendicata, che causa di debolezza non impudenza fu - stanchezza. E non mi hai capito, e forse io non ho capito te, quando ti ho porto … Leggi tutto Tu non hai affatto capito – Evgenij A. Evtusenko

Volti – Erri De Luca

Chi ha steso braccia al largo battendo le pinne dei piedi gli occhi assorti nel buio del respiro, chi si è immerso nel fondo di pupilla di una cernia intanata dimenticando l’aria, chi ha legato all’albero una tela e ha combinato la rotta e la deriva, chi ha remato in piedi a legni lunghi: questi … Leggi tutto Volti – Erri De Luca