Poesia per una morte improvvisa

Questa canzone di Guccini ci restituisce l’interrogativo sul senso della vita che spesso cerchiamo di dimenticare.

Questo è l’interrogativo numero uno di ogni essere pensante. Dalla cui risposta (o non risposta) discendono le nostre azioni.

Lunga e diritta correva la strada,
l’auto veloce correva
la dolce estate era già cominciata,
vicino a lei sorrideva.
Forte la mano teneva il volante,
forte il motore cantava
non lo sapevi che c’era la morte
quel giorno che t’aspettava.

Non lo sapevi che c’era la morte,
quando si è giovani è strano
poter pensare che la nostra sorte
venga e ci prenda per mano.

Non lo sapevi ma cosa hai pensato
quando la strada è impazzita
quando la macchina è uscita di lato
e sopra un’altra è finita.

Non lo sapevi ma cosa hai sentito
quando lo schianto ti ha uccisa
quando anche il cielo di sopra è crollato
quando la vita è fuggita.

Dopo il silenzio soltanto è regnato
tra le lamiere contorte
sull’autostrada cercavi la vita
ma ti ha incontrato la morte.

Vorrei sapere a che cosa è servito
vivere, amare e soffrire
spendere tutti i tuoi giorni passati
se presto hai dovuto partire.

Voglio però ricordarti com’ eri,
pensare che ancora vivi
voglio pensare che ancora mi ascolti
e come allora sorridi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.