Novembre 1997 Giovanni Ferrari

Sul fondo di velluto bruno

della sera d’autunno

svanivano

leggere come ombre

le croci dei lumini accesi…

Stranamente a quell’ora

era bello il cimitero

prato strano e irreale

disperso negli spazi immisurati

della notte incombente…

Brillavano

tenui

le luci tremule davanti all’effigie

calcinate nella memoria

delle lapidi stinte

pulite a nuovo

nel giorno dei morti:

singhiozzi di luce

accesi nella speranza

di continuare ancora

il discorso interrotto

il discorso inconcluso della vita

Lucciole strane

sospeso il volo a mezz’aria

inchiodavano sul fondo del cielo

le povere epigrafi.

Non un fruscio casuale

né alito di vento leggero

rompeva il tempo irreale

Compagno solenne

del tempo immobile…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.