Gli alberi di Giorgio Bonati

Gli alberi vicini si fanno il solletico l’un l’altro con i rami e le radici, tutti solleticano la terra e il cielo, leggerissimi. Già ubriachi di sole di prima mattina, continuano a fare quello che sanno: essere i polmoni del mondo, della vita.

Li guardo, incantato, e ammiro la loro fedeltà, che sa di autenticità, e penso, e ringrazio.

Mi piaccio quando fermo il tempo e lo lascio scorrere, incurante di tutto, riconoscendo che nulla è così importante che esserci, e guardare, e meravigliarsi. E’ una cura la sosta, è unguento per gli occhi, medicina del cuore.

Turoldo lo dice così: 

“Essere nuovi come la luce ad ogni alba

 come il volo degli uccelli e le gocce di rugiada.

Unico male l’abitudine e la scelta tragica:

 discorrere invece che intuire.

Solo la Meraviglia ci potrà salvare

 aprendo il varco verso la sostanza.”

Ogni tanto fermarsi, ogni tanto prendersi il buon tempo per curare il cuore con la meraviglia delle cose semplici.

Giorgio Bonati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...