#bullismo Le telecamere a scuola sono una buona soluzione?

“Schivare i colpi, i calci, gli sputi, chiudere le orecchie per non sentire gli insulti, trattenere le lacrime”. Nessun aiuto, nemmeno dai professori. I genitori, inizialmente, non si erano accorti di nulla. Lei non voleva che si preoccupassero. Poi, però, Emilie aveva tirato fuori tutto. La mamma era andata a scuola per parlarne e si era sentita rispondere che il bullismo è un fenomeno troppo complicato da affrontare. Emilie aveva cambiato istituto, ma ormai era troppo tardi. Depressa e deperita, si è uccisa. I genitori hanno denunciato la scuola per combattere l’omertà per Emilie e per chiunque sia vittima di bullismo, perché nessuno si ritrovi a vivere ogni giorno come un incubo. “Metà giornata è passata”, scriveva Emilie. “Resta l’altra metà, ma poi un pensiero rovina tutto. Domani si ricomincia”.

Leggi il resto qui

http://video.sky.it/news/cronaca/il_diario_di_emilie_vittima_del_bullismo_in_francia

 

Partecipa all’iniziativa Facebook Mai più bullismo (fb.com/maipiubullismo)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...