Poesia d’amore di Qabbani

Professo che non esiste altra donna
che con gli appassionati sguardi mi ha sconvolto
come un terremoto
che mi ha combusto, inondato,
acceso, spento,
infranto in due parti come la mezzaluna.

Professo che non esiste altra donna
che ha invaso più a lungo la mia anima
con un possesso più bello di un coltivo
come una rosa damascena, un arbusto di menta,
un arancio.

O donna
sotto le tue chiome le mie domande depongo
a una domanda un giorno non hai dato risposta.

O donna
lei è tutte le lingue
ma lei con la mente scruta e tace (…)

Professo che non esiste altra donna
che ha fatto l’amore con me dove ha termine la civiltà
e mi ha estratto dalla polvere del terzo mondo al di fuori di te.

Professo che non esiste altra donna
prima di te che abbia sciolto i miei nodi
e ghermito il corpo mio
parlandogli mentre s’intratteneva con l’altra.

Professo che non esiste altra donna
che sia riuscita a innalzare l’amore a livello della preghiera

al di fuori di te
al di fuori di te
al di fuori di te
al di fuori di te.

N. Qabbani

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...