Le mole

In tembi ormai che non so’ più vicini
Diverze mole c’erinu qui a Fiano:
Quale pe` l’ojo, quale pe` lo grano
‘ndo nnavinu a macina’ li cittadini.

Chi la liva portava a macinalla
Spettava a sede sopra a ‘na banghetta
‘Ndornu a lu focu; faceva la bruschetta
E coll’occasione se dava ‘na calla.

L’ojo era puro; de bono profumata
E se ‘ssaggiava leccannose le deta:
Faceva ‘n filu che parea de seta
E comme l’oro risbrilluccicava.

A la mola de lo grano, la farina
Nun era tandu bianga, questo è vero,
Ma pure si nun era doppio zero
Era uguarmende cosa genuina.

Era ‘n po’ scura, n’era tandu bella,
Ma fatta co’ grano de Speco e Costandinu
Sfornavi un pane come ‘na ciammella!

Mo a ste cosa più nun semo avvezzi;
Seno d’ardezza, è vero, un po’ più grossi,
Ma in faccia nun semo bianchi e rossi
E paremo tutti quandi verd’e mezzi.

Annunci