La morte non è niente… – Henry Scott Holland

La morte non è niente.

Non conta.

Io me ne sono solo andata nella stanza accanto.

Non è successo nulla.

Tutto resta esattamente com’era.
Io sono io e tu sei tu e la vita passata
che abbiamo vissuto così bene insieme
è immutata, intatta.

Quello che siamo stati l’uno per l’altro,
lo siamo ancora.
Chiamatemi con il mio vecchio nome.
Parlate di me con la facilità che avete sempre usato.
Non cambiate il tono della vostra voce.
Non assumete un’aria forzata di solennità o di dolore.
Ridete come abbiamo sempre riso
degli scherzi che facevamo insieme.
Sorridete, pensate a me e pregate per me.

Fate che il mio nome rimanga per sempre
quella parola familiare che è stata.

Pronunciatelo senza sforzo,
senza che diventi l’ombra di un fantasma.
La vita significa tutto ciò che ha sempre significato.
È la stessa che è sempre stata.
C’è una continuità assoluta, ininterrotta.
Cos’è questa morte se non un incidente insignificante?
Perché dovrei essere lontana dal vostro cuore
dal momento che non sono con voi?

Vi sto soltanto aspettando da qualche parte,
molto vicino, appena svoltato l’angolo.

Va tutto bene.

Dal libro “Settembre” di Rosamunde Pilcher

Grazie a Laura

 

 

Leggi anche ” Se mi ami non piangere…

15 Comments Add yours

  1. Aranel scrive:

    La poesia che hai riportato NON E’ ASSOLUTAMENTE OPERA DELLA PILCHER. Lei l’ha solo citata nel suo libro, evviva l’originalità…
    L’autore è Henry Scott Holland.
    Ciao.🙂

    Mi piace

  2. ariete scrive:

    è una citazione di sant’agostino…chi sono questi autori???

    Mi piace

  3. tina scrive:

    dedicata a pasquale,sei sempre nei nostri cuori

    Mi piace

  4. giorgia scrive:

    la poeia non è di rosamound pilcher….. è di holland

    Mi piace

  5. Ivan scrive:

    Plcher, Holland ecc………. non dite cavolate!!
    Questa è una delle tante poesie di Sant’Agostino,sono state cambiate soltanto alcune parole. Quella originale è questa:

    La morte non è niente

    Sono solamente passato dall’altra parte:
    è come fossi nascosto nella stanza accanto.
    Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
    Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.
    Chiamami con il nome che mi hai sempre dato,
    che ti è familiare;
    parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.
    Non cambiare tono di voce,
    non assumere un’aria solenne o triste.
    Continua a ridere di quello che ci faceva ridere,
    di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme.
    Prega,
    sorridi,
    pensami!
    Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima:
    pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza.
    La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:
    è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza.
    Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente,
    solo perché sono fuori dalla tua vista?
    Non sono lontano,
    sono dall’altra parte,
    proprio dietro l’angolo.
    Rassicurati,
    va tutto bene.
    Ritroverai il mio cuore,
    ne ritroverai la tenerezza purificata.
    Asciuga le tue lacrime e non piangere,
    se mi ami:
    il tuo sorriso è la mia pace.

    Sant’Agostino

    Mi piace

  6. marco costanzo scrive:

    Chi vuole evitare di far dire cavolate cita le fonti…
    Marco

    Mi piace

  7. Claudette scrive:

    Bè, se pensate che c’è gente che ringrazia la Rosamunde Pilcher PER I SUOI FILM! E’ proprio vero che si legge poco!

    Mi piace

  8. lucia pisano scrive:

    allora di chi è? è comunque bellissima…ciao mamma,ti voglio bene.

    Mi piace

  9. Angelo Amato scrive:

    Lascio a tutti quelli che leggono la scelta………

    Mi piace

  10. andreaP scrive:

    è molto difficile continuare a vivere allo stesso modo di qnd tu eri cn noi..mi manca la tua voce..il tuo sorriso..la tua mano calda sul mio viso..i tuoi baffi..persino il suono che prendeva il mio nome qnd eri tu a pronunciarlo..mi manchi tu dal primo istante in cui ho realizzato ke nn ti avrei piu’rivisto..ma ti voglio bene ancora cm se fossi qui..

    Mi piace

  11. Thor scrive:

    Il brano originale è di Henry Scott Holland (1847-1917) canonico della cattedrale di St. Paul (Londra). IMHO qui la traduzione è migliore rispetto ad altre, ad esempio quella che trovate qui:

    http://www.riflessioni.it/lettereonline/morte_commento.htm

    anche se manca l’ultima parte.

    Però confrontatela con la versione di Sant’Agostino Vescovo d’Ippona (Tagaste, 13 novembre 354 – Ippona, 28 agosto 430). Ci sarà mica del plagio? Mah???

    Mi piace

  12. maria scrive:

    Non mi fermerei a disquisire su chi ha scritto. Importante che aiuti chi è straziato dal dolore, a trovare un po’ di refrigerio.Maria

    Mi piace

  13. Mimmo scrive:

    Per iniziare la mia storia e quello che sento vi devo raccontare un pò la mia vita, ho conosciuto mia moglie che aveva 11 anni e da quel giorno non ho fatto altro che aspettare che diventassimo grandi e sposarci. Crescendo ci siamo amati tantissimo e raggiunto la giusta età ci siamo sposati e dopo 23 anni di matrimonio e precisamente il 30 Dicembre 2003 ho perso mia moglie che non soffriva di nessuna malattia e stata stroncata da un infarto fulminante all’età di 43 anni e mezzo, vivevamo uno per l’altra. Da quel giorno ho sofferto tantissimo, il mondo mi è cascato addosso per i primi anni mi sentivo come un disperato non sapevo cosa fare la sofferenza era tantissima, mi sono rifugiato in chiesa e con l’ascolto della parola di Dio ho trovato la forza di reagire ed andare avanti e combattere e resistere.-

    Mi piace

  14. Sabina Falivene scrive:

    E’ uno scritto di Sant’Agostino,
    rivisitato da Padre Giacomo Perico

    Liked by 1 persona

  15. natalia scrive:

    ho 70 anni ogni giorno che passa mi avvicina al mio adorato figlio ma il mio nipotino di due anni non avrà vicino il suo specialissimo papà che felicissimo lo coccolava e lo aqudiva più della mamma . quanto mi manca quanto mi angoscia il futuro del mio nipotino che non riesco a trovare pace pur sapendo che è circondato da tanto amore di mamma dell altra nonna e dai nonni e tutti gli amici di mio figlio zii e molto più grandi di lui

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...