Cloffete – Luca Loyal

l’assurdo mi si manifesta
semplice, come un sorriso
infranto agli angoli della bocca.

Mi guardi? i miei occhi
non sono più la mia anima;
l’empatia è distesa
su grumi d’entropia.

Parlami!
scivolo come rugiada
dall’abbraccio delle foglie
infranto lungo il volto, cupo, della terra.

il mio silenzio è ascolto
al necrologio di lancette,
passi; tra le sinfonie
di sguardi e rombi diuturni.

consolami

Il mondo ha un cielo di mare

“risalirne il corso”

m’areno.

in nubi di fondi rocciosi
l’eden dei pescatori

m’oriento
tra le costellazioni dei grattacieli
prima di infrangermi
come monoliti di tzunami

sull’asfalto.

Clof,

clop,

cloch.

Informazioni su questi ad

Informazioni su honan1984

http://rinabrundu.com/2011/12/19/scrittura-online-2-la-poesia-e-la-prosa-di-luca-fedele/

Pubblicato il maggio 2, 2012, in poesia con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.999 follower