Se mi ami non piangere – Padre G. Perico – Sant’Agostino

Se mi ami non piangere!
Se tu conoscessi il mistero immenso del cielo dove ora vivo,
se tu potessi vedere e sentire quello che io vedo e sento
in questi orizzonti senza fine,
e in questa luce che tutto investe e penetra,
tu non piangeresti se mi ami.
Qui si è ormai assorbiti dall’incanto di Dio,
dalle sue espressioni di infinità bontà e dai riflessi della sua sconfinata bellezza.
Le cose di un tempo sono così piccole e fuggevoli
al confronto.Mi è rimasto l’affetto per te:
una tenerezza che non ho mai conosciuto.
Sono felice di averti incontrato nel tempo,
anche se tutto era allora così fugace e limitato.
Ora l’amore che mi stringe profondamente a te,
è gioia pura e senza tramonto.
Mentre io vivo nella serena ed esaltante attesa del tuo arrivo tra noi,
tu pensami così!
Nelle tue battaglie,
nei tuoi momenti di sconforto e di solitudine,
pensa a questa meravigliosa casa,
dove non esiste la morte, dove ci disseteremo insieme,
nel trasporto più intenso alla fonte inesauribile dell’amore e della felicità.
Non piangere più, se veramente mi ami!

Padre G. Perico – Sant’Agostino

Leggi anche “La morte non è niente…

Altri siti

www.miglioramento.com

Informazioni su questi ad

Informazioni su Digireale

Marco "DigiReale" Costanzo Kaizen Business Coach

Pubblicato il gennaio 22, 2007, in Agostino, amore, coraggio, crescita, cuore, dolore, emozioni, morte, Perico, prospettiva, reframing, senso della vita, silenzi, sofferenza, vita e morte, vita oltre la morte, vivere con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 227 commenti.

  1. Sono una mamma che ha perso l’unico figlio, aveva 43 anni è morto 14 mesi fa, con una aneurisma celebrale senza poter dire una sola parola, io e mio marito siamo disperati, ci facciamo mille domande ma senza una risposta io voglio credere che ci sia una vita più bella di quella che stiamo vivendo e spero di meritarmi quando il Signore mi chiamerà di poter riabbracciare mio figlio questa è la speranza che mi tiene in vita la perdita di un figlio è il dolore più grande che possa esistere.

    • E’ dal 22/23 aprile 2005 che ho iniziato a studiare (avevo 57 anni) il fenomeno del cosiddetto “paranormale”, questo per un fatto occorsomi proprio in quelle date. Ancora sto studiando, ma posso assicurare con assoluta certezza che Dio esiste, che esistono gli Angeli, che esistono le nostre anime che ci permettono di realizzare le nostra vita.
      Esiste un al di là molto simile, ma non uguale ai nostri luoghi: lì non c’è l’interesse e, quindi, non esiste l’astio tre le anime, quindi, molta serenità e amorevolezza.
      Io sono la persona a cui è stato dato il dono di comunicare con “loro” tramite mia moglie: c’è un arte per poterlo fare e questa è comune a moltissime persone. Il difetto è che questa facoltà insita in noi si è atrofizzata nella nostra testa (cervello)
      Noi apparteniamo a Dio, siamo i suoi custodi del mondo, ma noi, per la facoltà dell’arbitrarietà concessaci, non seguiamo il nostro Angelo e deviamo fino a non comprendere più i loro messaggi: loro ci parlano in continuo, solo raramente pensiamo d’aver percepito qualcosa.
      Vi assicuro che vostro figlio vi sta sempre vicino, vi parla, vi consola; son certo che spesso accarezza le vostre fronti.
      Sono quasi pronto ad esporre al mondo intero la possibilità di sentirsi tutt’uno con il Creatore perché siamo la Sua viva espressione la nostra vita è un po come un processo di brinazione del nostro spirito e la fine della vita ne è la sublimazione ed il corpo inerme, che è l’inutile scarto, ritorna alla natura.
      Sappi che Dio non è nelle religioni, ma molto più in alto. Quelle sono utili giustificazioni, ma non il vero.
      Provi: prenda un blocco notes A3, una penna leggera tipo bic, cerchi di astrarsi dai problemi della via e liberare la mente mentre, presa la penna, la faccia scorrere con cerchi concentrici sul foglio mentre guarda li guarda e questo per vario tempo, riprovi senza stancarsi. Potrebbe essere premiata, potrebbe scrivere e contestualmente esprimere quello che sta scrivendo.
      Potrebbero venire diversi spiriti, chieda di parlare con lo spirito di suo figlio o con il suo angelo custode.
      Buona fortuna e mi faccia sapere. Sarà una gioia risentirla.

      • Caro Mario,mi spiace scoraggiarla,ma credo che il suo pensiero e ,purtroppo,anche il suo vivere sia completamente contrario al nostro credo cristiano che non è certo mera evocazione di spiriti tramite penne o altro,ma FEDE profonda in un al di là a cui al momento non ci è permesso di accedere,ma che esiste davvero e si può raggiungere solo ed esclusivamente attraverso la PREGHIERA e non attraverso altre dubbie e devianti pratiche!

      • ANTONELLA BUON GIORNO,
        IL NOSTRO CORPO E’ UNA COSA MOLTO COMPLESSA, NON ABBIAMO LA MINIMA IDEA ED E’ MOLTO PIù VICINO A DIO DI QUANTO NOI PENSIAMO.
        LUI E’ CON NOI E NOI NE SIAMO LA SUA ESPRESSIONE A CUI HA LASCIATO OGNI LIBERTA’ DI AGIRE, CIOè IL LIBERO ARBITRIO.
        LE RELIGIONI (TUTTE), LA FEDE, LA SPERANZA , LA CARITA’, ECC. SEGNANO UN TRAGITTO PER METTERE ARGINI ALLA CONDOTTA UMANA PER MIGLIORARNE LA SUA FINALITA’, MA NON è IL TUTTO.
        TU ANALIZZA LA NOSTRA GRANDE PREGHIERA DEL “PADRE NOSTRO”, CI è STATA INSEGNATA COME “PREGHIERA”, MA GUARDANE BENE I SUOI CONTENUTI: E’ IL MASSIMO, IL PIù ELEVATO DOCUMENTO POLITICO LASCIATO ALL’INTERA UMANITA’, INTENDENDO PER POLITICA IL VERO CONTENUTO ETIMOLOGICO DELLA PAROLA.
        1) IDENTIFICAZIONE E COLLOCAZIONE DEL SUPREMO (DIO);
        2) SI VERIFICHI SULLA TERRA LA STESSA ORGANIZZAZIONE CHE TU HAI POSTO IN CIELO, COSA ALTAMENTE POSSIBILE, TE LO GIURO!
        3) SIA FATTA LA TUA VOLONTA’: DIO NON CASTIGA NESSUNO, NELLA SUA ORGANIZZAZIONE NON è POSSIBILE FARE DEL MALE AD ALCUNO, MA SOLO AMORE, QUINDI, DEL BENE;
        4) LA REMISSIONE DEI DEBITI RECIPROCI HA SENSO SOLO SE NOI ANDIAMO A QUALIFICARE LA MONETA QUALE CONTROVALORE DELLO SCAMBIO E NON COME MOTIVO DI ARRICCHIMENTO BASATO SULLA SPECULAZIONE PERTANTO L’AUSPICIO VOLGE VERSO LA COMUNIONE DEL VALORE DEL LAVORO VERSO L’INTERA COMUNITA’ GLOBALE. DOBBIAMO VOLGERE L’ATTENZIONE VERSO LA COMUNITà GLOBALE E NON SOLO QUELLA EUROPEA, MA IN TUTT’ALTRO MODO.

        LE SCRITTURE SACRE HANNO UN TEMPO E SONO STATE FATTE PER LE NECESSITà DI SVILUPPO DELLE CAPACITà DELL’INTELLIGENZA DELL’AMPIO PERIODO (MILLENNI) MA NON RAPPRESENTANO IL LIMITE INSUPERABILE.

        IL LIMITE DELL’INSUPERABILITà PONE VINCOLI ALL’INTELLIGENZA CHE è SPECIFICA MATERIA DI DIO E NON NOSTRA ELEMENTO CHE NON PUò AVERE LIMITI DA PARTE NOSTRA VISTO CHE, NEL DECORSO DEI PRIMO 5 ANNI DI VITA, PERDIAMO OLTRE IL NOVANTA PER CENTO DELLA DOTE INIZIALE.
        UN CARO SALUTO.

    • ci sara’ chiedi a Dio la forza di compiere il tuo disegno sulla terra e quando arrivera’ quel momento vi incontrerete di nuovo…tuo figlio e’ li proprio accanto a te ma il dolore vi rende ciechi e nn vi permette di vederlo,lui t da i segni nella vita di tutti i giorni,chiamalo chiedigli di stringerti ancora,lo sentirai

    • Cara Maria, mi chiamo Antonino ho letto la tua storia x caso, ho perso mio padre e mi sono aggrappato a questa grande preghiera di S.Agostino. Ho letto la tua storia, mi unisco con la preghiera al vostro dolore.Non c’è disperazione più grande. Sono padre,mio figlio è la luce dei miei occhi, è aria x i miei polmoni, ogni attimo prego Dio di proteggerlo sempre. Maria x le tu mille domande non avrai mai una risposta.Che un giorno potrai riabbracciarlo questo si, lui è accanto a te non puoi vederlo con gli occhi, ma puoi sentire la sua essenza , la sua anima e accanto a te, e lui non vorrebbe che la mamma e il papà soffrissero. Parla sempre con lui di qualsiasi cosa, la preghiera ti aiuterà. Cara maria io pregherò x te e tu prega x me, che Dio mi doni sempre quello che gli chiedo x gli altri.

  2. coloro che ci hanno preceduti nell’altra vita, sono sempre in comunione con noi, non ci hanno abbandonati, e un giorno saremo nuovamente tutti insieme nella casa del Padre dove non c’è più morte ma gioia eterna.

  3. io ho perso la mia mamma sono passati solo tre mesi.. ma ho il cuore devastato dal dolore e mi struggo.. ma S.Agostino mi da conforto e so che andrò ad abbracciare di nuovo la mia amatissima mamma e quando accadrà sarà per SEMPRE……………………..Aspettami mammina mia…arriverò spero prestissimo!

  4. la cosa piu brutta quando una persona che tu ami non rientra più a casa e ti dicono tuo marito è morto è cosi’ ti casca il mondo addosso

  5. bellissimo sapere che un giorno rivedremo i nostri cari..l’amore della mia vita e’ volato in cielo un mese fa’noi il 26 di questo mese dovevamo andare a vivere insieme e poi ci saremmo sposati ma lui aveva il diabete aveva solo 46 anni gli e’ venuta una trombocardiovascolare.. mi manca cosi’ tanto..lui era e’ restera’ per sempre nel mio cuore e se adesso mi sta ascoltando Aspettami amore mio..Andrea per tanti solo un nome per me eri e’ sei il mio tutto..

    • Sicuramente lui ti ascolta e ti sta vicino, ti dispiacerebbe poterlo sentire? Questo diverrà normale tra non molto tempo.
      Ti allego il colloquio con una donna speciale vissuta molti anni fa. fammi sapere cosa ne pensi.
      10/7/2006
      “Marisabel
      C’è uno spiritello che vuole parlarti. (rivolto a Luciana)
      Marisabel: Io sono il tuo spirito guida. Io sono qui per aiutarti. Sono incaricata di fare di te una buona scrivente. Io sono stata scelta fra tanti per aiutarti. Ti seguo da sempre ma ora è diventato più facile.
      Tu riesci a sentirmi benissimo. Io ti aiuterò con la scrittura, tu cerca di non scoraggiarti. Hai un buon talento, hai tante capacità.
      Tu hai tanta pazienza, hai tanta voglia di fare, sì. Io sto qui per questo.
      Luciana: io come faccio a mettermi in contatto con lei?
      Marisabel: Basta che ti rilassi, prendi una penna, un foglio e provi come fanno loro, all’inizio non sarà facile, poi tutto scorrerà con facilità.
      Luciana: Vorrei sapere come si chiama
      Marisabel: Io sono una donna vissuta tanti anni fa, io ero una donna nobile dell’alta società. Sono morta presto e mi sono molto arrabbiata con loro perché non mi hanno capito, sto parlando della mia famiglia, io ero come voi, scrivevo, ma loro mi hanno considerata matta, di fatto sono stata chiusa in una casa in campagna e mi hanno dato tanta erba da bere per stare calma.
      Il mio cuore non ha retto e sono morta all’età di 31 anni. Ora cerco di aiutare chi vuole scrivere.
      Luciana: Il tuo nome?
      Marisabel: Il mio nome è Marisabel
      Luciana: Che bel nome!
      Marisabel: Sì, è molto bello
      Luciana: volevo chiedere una cosa, è possibile che io abbia vissuto in un’altra epoca?
      Marisabel: Tutte voi avete vissuto, lo spirito più vecchio è Stella, lei c’era dal principio
      Luciana: Voglio sapere in quale civiltà ..
      Marisabel: : Tu hai avuto molte vite, come tutti, eri nell’ultima vita una donna venezuelana che ha avuto 3 figli e è morta all’età di 71 anni di tumore, il secolo scorso.
      Luciana: ho avuto a fare nulla con l’Egitto?
      Marisabel: Sì, sì, sì. Eri un uomo.
      Luciana: Ma come un uomo!
      Marisabel: Sì, sì eri un uomo, bello pure
      Luciana: che carica ricoprivo?
      Marisabel: Eri molto in alto alla corte del faraone, una specie di architetto all’epoca
      Luciana: Ci andrò mai in Egitto?
      Marisabel: Boh, dipende da te.
      Mario: Io quante vite ho avuto?
      Marisabel: Quella era una delle tue prime vite (riferita a Luciana)
      Luciana: Sono mai stata un animale?
      Marisabel: No, no, è come gli Angeli, sono Angeli e basta.
      Mario: Nelle mie vite precedenti?
      Marisabel: Le tue vite sono molte, voi siete già vissuti insieme in una grande nazione che si è fatta con voi, eravate pionieri del Re.
      Mario: in quale nazione era?
      Marisabel: Voi eravate fratelli, sì, nell’America di oggi, avete lottato con gli Indiani, poverini, gli indiani, sì.
      Mario: Quale funzione avevamo?
      Marisabel: Voi dovevate prendere della terra per poter vivere, sì, ma siete vissuti poco
      Mario: Ci hanno ammazzati?
      Marisabel: Sì, sì in un conflitto indiano, poveri gli indiani, sì.
      Luciana: Volevo chiedere se potevo parlare con papà.
      Marisabel: Ciao, a presto.”

      Come vedi si può essere vicini, anche di molto.
      Auguri, ciao Mario

  6. Un meraviglioso giorno di ottobre del 1980 , dopo averla cercata tanto , ho trovato la mia dolce compagna. Dopo solo quattro mesi eravamo marito e moglie. Per trentadue anni siamo stati insieme nella buona e cattiva sorte , merito tutto suo.Un triste giorno di maggio del 2013 Dio , come me la data così me la tolta. Di Lei mi resta solo un grande dono , nostro figlio , del tutto uguale a Lei .Ho vissuto giorni tremendi , per la prima volta nella mia vita ho imprecato nostro signore per la Sua morte. Casualmente ho letto la poesia di p.Perico. Qualcosa è cambiato , ora vivo solo nella speranza che Lei mi sta aspettando in quel posto meraviglioso anche se mi rimane un ricordo struggente di quei struggenti anni passati insieme e per l’amore che ha saputo infondere .A presto dolcissimo amore.

  7. 2 Re 18:3-4

    “Egli (re Ezechia) fece ciò che è giusto agli occhi del SIGNORE, proprio come aveva fatto Davide suo padre. Soppresse gli alti luoghi, frantumò le statue, abbatté l’idolo d’Astarte, e fece a pezzi il serpente di bronzo che Mosè aveva fatto; perché fino a quel tempo i figli d’Israele gli avevano offerto incenso; lo chiamò Neustan.”

    Non basta alzare le mani e dire 4 cose senza senso e spacciarle per dono delle lingue… ravvedetevi e convertitevi al Vangelo di Gesù Cristo!!

  8. come si fà ad andare avanti quando accanto a te nn c’è più tuo figlio? io nn sono mamma ma ho visto stare male la mamma che è amica di mia madre lei ha perso suo figlio aveva solo 10 anni è pensare che dovrebberò morire prima i nonni, poi i genitori, ed infine i figli chissà cosa ci sia d’avvero su nel cielo?????? bòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòò spero che ci sia aria buona e nn cattivaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.

    • Non pensare questo! Se mi vuoi credere? siamo noi a decidere quando andare…il nostro tempo può essere lungo o corto, e ti posso dire che la morte NON ESISTE! Credimi?!

  9. speravo che con il tempo il dolore si attutisse. sono passati 6 mesi dalla morte di mio padre e il dolore è immutato.. non riesco ad accettare la sua morte. senza senso e impensabile. non riesco a trovare un appiglio per uscire dal mio dolore..

  10. Ho perso mio fratello 9 mesi fa,lui bello,forte giovane,grande unico ci ha lasciato nel buio più profondo,più pasa il tempo,più il dolore si fa grande,mi manca così tanto che vorrei anche io morire.si he addormentato a solo 31 anni,senza una ragione aparente e questa la cosa che fa più malle, domande,mille domande senza risposta,non mi resta che pensare che non eri felice in questo mondo,vai angelo mio adesso conosci il amore infinito di nostro signore.rubi

    • Che la pace sia con lui. Mi dispiace tanto.
      Trai la forza dalla tua quotidianità e non lasciarti andare.
      Tuo fratello non lo avrebbe voluto.
      Una ragione non c’è e non farti del male.
      Abbi cura di te ora più che mai.
      Un abbraccio

      Laura

  11. so che non c’e’ morte definitiva…sento con certezza e non e’ illusione che quando anche noi altri, andremo incontro al trapasso dalla vita terrena e abbandoneremo il nostro corpo terestre martoriato, andremo incontro ad una rinascita e continuita’ di vita piu in pace totalmente..e con certezza ci rivedremo con i nostri cari appartenuti in vita.. e saremo molto piu felici perche’ in PACE.
    NON E’ POSSIBILE..CREDETECI… ESSERE VENUTI AL MONDO..E POI, PERDERE TUTTO,SOPRATUTTO GLI AFFETTI, LA MAMMA IL PAPA’, FRATELLI, FIGLI…. E TERMINARE COSI’ TUTTO…NO! NON CREDO PROPRIO, RAGIONATECI..CHE SENSO AVREBBE VIVERE E FINIRE COSI!!!. C’E’ PER FORZA DOPO.. UN RIVEDERSI E CONTINUARE L’AFFETTO,CHE E’ LA COSA PIU BELLA DELL’UNIVERSO!!!! SICURAMENTE..DOPO QUANDO FINISCE QUESTO CORPO MATERIALMENTE TERRENO SULLA TERRA, DAL CORPO, RIESCE LA NOSTRA ANIMA..SPIRITO, CHE NON RIUSCIAMO OVVIO A VEDERE..PERCHE’ SIAMO SULLA TERRA.. E NELL’ALTRA PARTE PIU’ COMPLETA DELL’UNIVERSO VOLA E RIVIVE ASPETTANDOCI…………PER FORTUNA!!!

    • Ciao Anika, e’ proprio cosi’ infatti… non puo’ finire tutto qui, sarebbe veramente una vita senza senso. Anch’io credo pienamente la continuita’ della vita, in un modo diverso certo,.. ma comunque si rinasce e si rivive questo e’ importante! Non nascondo pero’ che alcune volte.. presa dallo sconforto.. ho chiesto a me stessa se finisse tutto qui e poi…. il buio totale.. cioe’ il NULLA! ma poi.. sono tornata sui miei passi.. ed ho detto no, non e’ come penso.. Dio c’e’ e l’aldila’ c’e’. Ci aspetta un altra citta’.. tutta nuova, bella, colorata luminosa e, piena di fiori freschi e profumati..e li saranno ad attenderci tutti i nostri cari che ci hanno preceduto e… saranno li ad aspettare con le braccia spalancate!

  12. mio padre è morto 5 mesi fa in un incidente.. è un dolore mai provato prima.. e ancora più doloroso non sentirlo vicino. sento la sua assenza.vorrei che non fosse così

  13. mia sorella è morta un mese fa, improvvisamente, aveva 44 anni, emoragia celebrale, non c’è stato niente da fare…ha lasciato un figlio di 20 anni, me, l’altra mia sorella e sopratutto mia madre con una tristezza e un dolore sconfinato, spero che la descrizione di S. Agostino sia reale e che adesso lei si trovi lì. Io l’amerò sempre…

  14. ho perso mia sorella una settimana fa. Il dolore è enorme anche se ancora faccio fatica a credere che tutto ciò sia vero. la sua malattia è durata tre anni e lei ha sempre lottato perché amava la vita e soprattutto perché non voleva lasciare sua figlia e suo marito da soli. Ha lottato anche quando i dolori erano forti e ha sempre sorriso per non far stare male noi. Purtroppo alla fine la malattia ha vinto portandola via a soli 46 anni. Aveva ancora tanti sogni da realizzare e tanti progetti. Io prego il Signore affinché dia a tutti noi la forza di accettare ciò che è successo .
    Alessia ora è con mamma e con papà in paradiso.

    Roberta, 13/10/2012

  1. Pingback: 5 milioni di ricerche sul “senso della vita” | Senso della vita

  2. Pingback: LA CHIESA | Mondi alternativi

  3. Pingback: Marco Costanzo » Blog Archive » Storie di ordinaria precarietà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.099 follower