I papà possono essere eroi?

La sorpresa di un papà per il 5 compleanno del figlio con diagnosi di tumore al cervello in fase terminale… Questo dovrebbe farci riflettere sul fatto che la vita è un dono e non dobbiamo sprecarla ad odiare.

Informazioni su questi ad

Il diario della gratitudine

Non dare mai tutto per scontato e non credere che tutto ci sia dovuto o che sia ovvio, ma al contrario benediciamo ogni giorno quello che riceviamo, anche la cosa più piccola e banale, perchè non lo è.
Tutto quello che riceviamo è un dono, un meraviglioso dono che ci fa stare bene, essere felici, godere della propria vita, a seconda dell’importanza che per ognuno di noi ha.

Il "diario della gratitudine" è un mezzo per renderci consapevoli di quello che riceviamo dall’universo, ed è anche un modo per ringraziare questa magnifica forza per tutto quello che ci manda su nostra richiesta, e la cosa più straordinaria è che più siamo grati e contenti, più l’abbondanza ci risponde.

Noi tutti emaniamo energia, siamo esseri viventi e come tali vibriamo, proprio perchè la vita scorre dentro di noi, non siamo silenziosi, ma sprigioniamo ogni sorta di emozioni, sensazioni o funzioni biologiche, come il battito del cuore, l’espandersi dei polmoni quando respiriamo, il flusso del sangue che scorre nelle vene e cosi via.

Noi facciamo rumore in tutti i sensi e lo trasmettiamo all’universo.
E’ come partecipare ad una festa, dove tutti sono allegri, scherzano, dove ci si diverte, dove tutti stanno bene con tutti. Il risultato è che nessuno vorrebbe che finisse, perchè tutto ciò crea un’insieme di vibrazioni positive e tutti ne sono attratti, al contrario nessuno vorrebbe intrattenersi ad una festa dove tutti sono musoni, seri, con le orecchie fino ai piedi e annoiati, e per questo si attrarrà il vuoto.

L’universo è pronto a rispondere deducendo quello che gli viene chiesto e come il genio della lampada esaudirà i desideri, quali che siano.
Ecco perchè ritengo che il "diario della gratitudine" sia uno degli strumenti più importanti per ricevere abbondanza di ogni cosa, perchè semplicemente ci rende consapevoli di tutte le cose buone e positive che riceviamo e questo non ci può fare altro che farci sentire felici e positivi.

Farlo non costa fatica, dedicare 10 minuti di un’intera giornata per avere in cambio una vita migliore penso ne valga la pena.
Io non sono una persona costante, è un difetto che cerco di togliermi da una vita e il diario ha fatto un miracolo in questo senso, perchè ogni sera mi ritrovo a tu per tu con lui e mi fa desiderare ogni volta di fare, del giorno dopo, una fonte immensa di gratitudini da scrivere… si perchè è cosi che funziona!

Ricetta per il diario della gratitudine:
1 quaderno a piacere
1 penna che scriva bene
cuore quanto basta
mente quanto basta
gratitudine in abbondanza

Esecuzione:
Prendete il quaderno e la penna, rivivete la giornata appena trascorsa e iniziate a scrivere tutto quello che vi ha dato gioia o quello che la vita vi ha dato di buono. Anche se la cosa vi sembra piccola, se vi ha dato un’emozione positiva e se sentite sinceramente di esserne grati, scrivetelo! Il diario è vostro e potete scrivere quello che volete.
Il risultato è garantito.

Il diario può diventare un compagno, un amico sincero a cui confidare le nostre emozioni, sempre pronto a darci sostegno nei momenti in cui siamo più vulnerabili.
Basterà prenderlo e rileggerlo per farci capire quanto siamo in grado di essere felici, perchè lui ci dirà solo cose positive, perchè il diario è il "diario della gratitudine e in essa c’è la vera forza dell’essere umano per ottenere il meglio dalla vita.

Stella Baldo
Scrittrice

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.094 follower